THE BODY
I Have Fought Against It, But I Can’t Any Longer

[ Thrill Jockey – 2018 ]
7.5
 
Genere: Sludge metal, doom metal
 
25 maggio 2018
 

Nuovo capitolo dell’avventura di Chip King e Lee Buford, in arte The Body, che da quasi vent’anni battono le strade del metal americano aggiungendo sempre nuovi elementi (dal noise al gospel) al loro suono fatto di rumore, intensità, disperazione e brutalità. Provocatori e disturbanti, si sono costruiti un’immagine da cattivi ragazzi, estrema quasi quanto la loro musica, ma grazie alla curiosità per mondi molto diversi dal loro che li ha sempre contraddistinti si sono guadagnati il rispetto di tanti colleghi (con molti di loro hanno collaborato in passato e continuano ancora a farlo). “I Have Fought Against It, But I Can’t Any Longer” cita nel titolo Virginia Woolf, solo uno dei tanti riferimenti letterari presenti in un disco che King e Buford hanno creato con il contributo fondamentale di Seth Manchester e Keith Souza, i due produttori che gestiscono lo studio di registrazione Machines With Magnets.

Anche questa volta i The Body coinvolgono nel loro mondo oscuro e pericoloso ospiti di tutto rispetto. Tornano Chrissy Wolpert (Assembly of Light Choir) e Ben Eberle (Sandworm) a cui si aggiungono Michael Berdan (Uniform) e Kristin Hayter (Lingua Ignota). Il contrasto tra le voci femminili, a cui è affidata la parte più riflessiva e viscerale dell’album, e quelle maschili (più violente e rabbiose) è la chiave di “I Have Fought Against It, But I Can’t Any Longer” che porta quel contrasto ad estreme e notevoli conseguenze (ascoltare per credere “Nothing Stirs” dove Kristin Hayter si esprime al massimo del suo potenziale o “An Urn”). L’inizio però è quasi in sordina per un gruppo come i The Body, con i primi due brani che ingannano e trascinano l’ascoltatore come le sirene facevano con Ulisse, per poi lasciare che King e Buford colpiscano duro con la loro miscela assassina di sludge, doom e death metal.

Ritmi folli, rumorosi, marziali, distorti tipici dei The Body che martellano senza sosta fino a “Blessed, Alone” dove un violino e un pianoforte spuntano quasi dal nulla in un brano che si avvicina al metal sinfonico. Un attimo di calma prima di un finale aggressivo ma non troppo, con una rabbiosa “Sickly Heart Of Sand” (tra le voci c’è anche quella di Michael Berdan) che sfocia negli otto pensosi minuti di “Ten Times A Day, Every Day, A Stranger” (montati su un reading dello scrittore ceco Bohumil Hrabal). I The Body non sono mai stati né mai saranno una band per tutti i gusti e per tutte le orecchie, è bene ribadirlo ancora una volta. In “I Have Fought Against It, But I Can’t Any Longer” non sono estremi come lo erano stati l’anno scorso in “A Home On Earth” né osano come avevano provato a fare in “No One Deserves Happiness” ma realizzano comunque un disco di livello nel suo genere, che continua sulla strada tracciata tempo fa con “All the Waters of the Earth Turn to Blood” e “Christs, Redeemers”.

Tracklist
1. The Last Form Of Loving
2. Can Carry No Weight
3. Partly Alive
4. The West Has Failed
5. Nothing Stirs
6. Off Script
7. An Urn
8. Blessed, Alone
9. Sickly Heart Of Sand
10. Ten Times A Day, Every Day, A Stranger
 
 

Gruff Rhys – Babelsberg

Molti conosceranno Gruff Rhys come voce e chitarra dei Super Furry Animals, collettivo gallese capace di qualunque pazzia che dall’ormai ...

Lump – Lump

Chi vi scrive adora le chitarre e le melodie immediate, ma, lasciatemelo dire, di fronte a simili delizie mesmeriche e suggestive non si ...

Chvrches – Love is Dead

Nonostante il titolo possa far pensare ad un album incentrato sulla fine struggente di un amore, “Love is Dead”, terzo album in ...

Twin Shadow – Caer

Partiamo subito dalle conclusioni: quanto avevo apprezzato il synth-pop anni 80 di “Confess” e quanto invece trovo non del tutto ...

Barbarisms – West in the Head

Il titolo del nuovo lavoro dei Barbarisms, “West in the Head” prende spunto da un saggio dello scrittore William H. ...