ASH: LA TOP 10 BRANI

 
Tags: ,
di
29 maggio 2018
 

Con l’uscita del nuovo album “Islands”, si presenta l’occasione di ripercorre la carriera della band nordirlandese in 10 brani, e trattandosi degli Ash, lo si fa con molto piacere.
Ecco la nostra top ten dei pezzi di Tim Wheeler e soci, in ordine rigorosamente sparso…

10 – BUZKILL

2018 da “Islands”

Un piccolo tributo, direttamente dal loro ultimo album che abbiamo avuto il piacere di sentire recentemente. E un messaggio abbastanza diretto : se ci fosse una festa, oppure da guastarla, gli Ash si dichiarano arruolabili.

9 – STARCROSSED

2004 da “Meltdown”

Una powerballadnon poteva mancare in rassegna, in quanto amore&affini sono temi comunque ricorrenti in tutta la produzione degli Ash. Pianoforte, pennate pulite di acustica, elettrica sporca quanto educata, melodie easy listening per un pezzo ispirato – nemmeno troppo celatamente – a Romeo e Giulietta

8 – NUMBSKULL

1998 da “Nu-Clear Sounds”

Ritmi sincopati, fragorosa e tagliente, sonorità tipicihe del nu-metal : rappresentativa della parte nera del cuore degli Ash.

7 – GOLDFINGER

1996 da “1977”

Grunge nei ritmi, distorta e rumorosa, ma anche melodie e liriche più morbide ed immediate tipiche del britpop. Uno dei pezzi più amati e conosciuti .

6 – CLONES

2004 da “Meltdown”
Sintomatico del percorso di crescita musicale (ma anche anagrafica) della band: tematiche più mature all’interno di un carro armato hard rock corazzato e cingolato

5 – KUNG FU

1995 da “1977”

Come “Jack Names The Planets” è anch’essa contenuta nell’OST del film Angus. Pezzo punk rock elettrico, veloce ed immediato. Emblema del periodo più giovane e spensierato. Si balla, si poga, si scuote la testa. C’mon Jackie Chan!

4 – GIRL FROM MARS

1995 da “1977”

Primo singolo ad accendere i riflettori a livello planetario sui ragazzi nordirlandesi, pezzo college rock semplice, energetico e senza fronzoli. La voce di Wheeler è quasi ovatta su un sottofondo di dinamite. Ideale passaggio di consegne tra grunge melodico e pop punk, e probabilmente brano più iconico della band.

3 – UNCLE PAT

1994 da “Trailer”

Terzo singolo in ordine di uscita, celebre peraltro per aver dato loro ampio respiro mediatico ( fu colonna sonora di uno spot Heineken diffuso al tempo in oltre Manica): sorniona e ronzante, perfetta per inquadrare la fase più primaverile e grezza del gruppo.

2 – SHINING LIGHT

2001, da “Free AllAngels”

Chimica tra gli strumenti, ritornello catchy, vena esplosiva quanto romantica, al top della loro fama gli Ash piazzano il loro inno da festival.

1 – BURN BABY BURN

2001, da “Free AllAngels”

E’ il singolo probabilmente più famoso dei ragazzi di Downpatrick, presente in qualsivoglia compilation pop rock riferibile ad inizio secolo. Incendiario e galvanizzante, un evergreen intramontabile.

 

La settimana prossima Jonsi dei ...

Durante il primo periodo dei Sigur Ros, il frontman Jonsi aveva anche mantenuto un side-project chiamato Frakkur: scavando in cose più ...

E’ Stormzy il primo headliner ...

Attraverso un messaggio sui suoi social network, il Glastonbury Festival ha annunciato il primo headliner dell’edizione 2019, che si ...

Nel 2019 i Coldplay inizieranno a ...

Sembrava che “A Head Full Of Dreams”, uscito nel dicembre del 2015, potesse essere l’ultimo LP per i Coldplay, ma oggi ...

The Strypes si sono sciolti

Con un messaggio sul loro profilo Facebook, The Strypes hanno annunciato di essersi sciolti, mentre tutti e quattro i componenti della band ...

Il primo album solista di Martin ...

Dopo che i Twerps si erano sciolti, in buona parte a causa della fine della relazione sentimentale tra due dei suoi componenti, Jules ...