ASH: LA TOP 10 BRANI

 
Tags: ,
di
29 maggio 2018
 

Con l’uscita del nuovo album “Islands”, si presenta l’occasione di ripercorre la carriera della band nordirlandese in 10 brani, e trattandosi degli Ash, lo si fa con molto piacere.
Ecco la nostra top ten dei pezzi di Tim Wheeler e soci, in ordine rigorosamente sparso…

10 – BUZKILL

2018 da “Islands”

Un piccolo tributo, direttamente dal loro ultimo album che abbiamo avuto il piacere di sentire recentemente. E un messaggio abbastanza diretto : se ci fosse una festa, oppure da guastarla, gli Ash si dichiarano arruolabili.

9 – STARCROSSED

2004 da “Meltdown”

Una powerballadnon poteva mancare in rassegna, in quanto amore&affini sono temi comunque ricorrenti in tutta la produzione degli Ash. Pianoforte, pennate pulite di acustica, elettrica sporca quanto educata, melodie easy listening per un pezzo ispirato – nemmeno troppo celatamente – a Romeo e Giulietta

8 – NUMBSKULL

1998 da “Nu-Clear Sounds”

Ritmi sincopati, fragorosa e tagliente, sonorità tipicihe del nu-metal : rappresentativa della parte nera del cuore degli Ash.

7 – GOLDFINGER

1996 da “1977”

Grunge nei ritmi, distorta e rumorosa, ma anche melodie e liriche più morbide ed immediate tipiche del britpop. Uno dei pezzi più amati e conosciuti .

6 – CLONES

2004 da “Meltdown”
Sintomatico del percorso di crescita musicale (ma anche anagrafica) della band: tematiche più mature all’interno di un carro armato hard rock corazzato e cingolato

5 – KUNG FU

1995 da “1977”

Come “Jack Names The Planets” è anch’essa contenuta nell’OST del film Angus. Pezzo punk rock elettrico, veloce ed immediato. Emblema del periodo più giovane e spensierato. Si balla, si poga, si scuote la testa. C’mon Jackie Chan!

4 – GIRL FROM MARS

1995 da “1977”

Primo singolo ad accendere i riflettori a livello planetario sui ragazzi nordirlandesi, pezzo college rock semplice, energetico e senza fronzoli. La voce di Wheeler è quasi ovatta su un sottofondo di dinamite. Ideale passaggio di consegne tra grunge melodico e pop punk, e probabilmente brano più iconico della band.

3 – UNCLE PAT

1994 da “Trailer”

Terzo singolo in ordine di uscita, celebre peraltro per aver dato loro ampio respiro mediatico ( fu colonna sonora di uno spot Heineken diffuso al tempo in oltre Manica): sorniona e ronzante, perfetta per inquadrare la fase più primaverile e grezza del gruppo.

2 – SHINING LIGHT

2001, da “Free AllAngels”

Chimica tra gli strumenti, ritornello catchy, vena esplosiva quanto romantica, al top della loro fama gli Ash piazzano il loro inno da festival.

1 – BURN BABY BURN

2001, da “Free AllAngels”

E’ il singolo probabilmente più famoso dei ragazzi di Downpatrick, presente in qualsivoglia compilation pop rock riferibile ad inizio secolo. Incendiario e galvanizzante, un evergreen intramontabile.

 

Quarto album per i Saintseneca a ...

I Saintseneca ritorneranno il prossimo 31 agosto con il loro quarto LP, “Pill Of Na”, che verrà pubblicato da ANTI- Records. La ...

Ad agosto il quarto album degli ...

Gli Still Corners ritorneranno il prossimo 17 agosto con il loro quarto album, “Slow Air”, che verrà pubblicato dalla Wrecking ...

I Big Red Machine di Justin Vernon ...

Justin Vernon (Bon Iver) e il co-fondatore e compositore dei National, Bryce Dessner, si stanno preparando a pubblicare un disco, sotto il ...

Il supporto in vinile compie 70 ...

Buon compleanno vinile! Compie 70 il supporto che più, in questi ultimi anni, sta mostrando vitalità, grazie a un mercato che non accenna ...

TRACK: Another Sky – ...

L’EP “Forget Yourself” aveva messo in luce l’acume alt-pop dei londinesi Another Sky, che, in bilico tra movenze ...