MIDDLE KIDS
Lost Friends

[ Domino - 2018 ]
7
 
Genere: indie rock
 
6 Giugno 2018
 

“Lost Friends” è l’esordio discografico dei Middle Kids, terzetto sbucato dalle siepi dell’indie australiano che ci aveva già incuriosito con il primo omonimo Ep, raccolgliendo tra l’altro il plauso di nientepopodimeno che sir Elton John.
E’ un disco che non colpisce come una mazzata, ma si insinua nelle orecchie con dolcezza e qualità.
Hannah Fitz alla voce e chitarra, il suo fresco marito Tim Fitz al basso Harry Day alla batteria sanno fare il loro dovere e costruiscono dodici canzoni che mescolano strampoli di idie rock a un pop versato sottobanco.

“Bought it” apre l’album alternando la quiete quiete alla tempesta di una richiesta d’aiuto, e sfocia nell’indie-rock più classico di “Mistake” e nella sentimentale “Edge of Town”. Si passa poi alle romantiche rassicurazioni all’amato in forma rock ballad di ” Don’t Be Hiding”, dove Hannah canta “You don’t have to sell it, I am sold/So give me all your garbage and your gold.”
Il suono acuto, energico e arioso alla Cranberries di “On My Knees” scorre anche in “Please”, dove rieccheggia anche un tocco Arcade Fire.
Così come il sound triste di una relazione stagnante di “Tell Me Something” torna anche nella conclusiva e drammatica “So Long Farewell I’m Gone”.

In “Lost Friends” si parla di emozioni e amori, dubbi, insicurezze, amicizie costruite e altre distrutte: sensazioni tipiche di una fase di crescita, quella che il trio sta vivendo sulla propria giovane pelle. Fatte di alti e bassi, di drammatici crescendo finali, che si rispecchiano nel suono della band.

Un disco pulito e ben costruito, senza troppi colpi di testa (e neppure di genio), frutto di tre strumentisti super preparati ( il batterista ha studiato jazz al conservatorio di Sydney, tanto per dire) che arricchiscono di cori, violoncelli, pedali e tessuti elettronici il loro sound di base.
I Middle Kids si trovano a un bivio: volare sempre più in alto o atterrare sul confine del successo.
Ai posteri – e al prossimo disco- l’ardua sentenza.

Photo Credit: Ellie Smith

Tracklist
1. Bought It
2. Mistake
3. Edge of Town
4. Maryland
5. On My Knees
6. Don’t Be Hiding
7. Hole
8. Please
9. Lost Friends
10. Never Start
11. Tell Me Something
12. So Long, Farewell, I’m Gone
 
 

Massimo Zamboni – La Mia ...

Esiste davvero l’Italia o è solamente una mera espressione geografica? Esistono davvero gli italiani? Ha senso cercare la nostra ...

Cat Power – Covers

Probabilmente nella oramai lunga carriera di Cat Power rimane un punto fermo terapeutico rilasciare a frequenza irregolare le proprie ...

The Great Inferno – All The ...

La storia di “All The While White Collides With Black” dei The Great Inferno comincia in uno studio, Le Klubhaus, creato con spirito ...

Bonobo – Fragments

“Fragments” è un album etereo, le sue striscianti sonorità ambientali ed elettroniche sono perfette per quella linea grigia che ...

Blood Red Shoes – Ghosts On ...

Aria di cambiamento in casa Blood Red Shoes tre anni dopo “Get Tragic” (era il 2019) e a poche settimane di distanza da “Town Called ...