OGGI ESCE LA RISTAMPA DI “ATTACK OF THE GREY LANTERN”, L’ESORDIO DEI MANSUN. LO RICORDIAMO ANCORA CON MOLTO PIACERE.

 
8 giugno 2018
 

Oggi, 8 giugno, esce per Kscope, una nuova edizione dell’esordio dei Mansun, ovvero “Attack of the Grey Lantern”. Una ricca perla per tutti i fan della band e di Paul Draper, che potranno gioire di questa nuova versione, composta da ben 3 CD, più un DVD con video e memorabilia, un ricco libricino ricco di info e note varie e poi ancora demo, rarità  e le immancabili BBC Sessions. Insomma un tripudio per noi devoti.

In questa giornata celebrativa mi piaceva riprendere un mio vecchio pezzo, che “donai” molto volentieri al caro amico Stefano “Barto” Bartolotta per il suo blog “Roundmount”. La pubblicazione risale all’ otto giugno 2016, proprio pochi giorni prima della tanto attesa prima uscita di Paul Draper come solista, ed era incentrata sul rapporto (mio e di Stefano) proprio con i Mansun. Colgo l’occasione per riproporla qui in una veste un po’ ridotta, cioè con solo la parte riguardante l’esordio. L’articolo completo è QUI.

“Ricordo bene il momento in cui decretai, sopratutto a me stesso, che  i Mansun erano ufficialmente il mio gruppo preferito: fu quando appesi il poster gigante di ‘Attack Of The Grey Lantern‘ proprio sopra il mio letto. Quella era la posizione simbolo nella mia camera. Da li era passata gente come Madonna, Metallica, Oasis, Blur, Morbid Angel (pure loro!) e Smashing Pumpkins (solo per citare qualche nome), ma nel marzo 1997 era il momento dei Mansun e io mi sentivo un dio ad avere quel tripudio di rose blu e viola sopra la mia testa. Paul Draper vegliava sul mio sonno.

Li avevo conosciuti sulle pagine di Rockerilla i Mansun: la premiata ditta Costmagna/Villa, negli anni d’oro del “brit-pop”, sfornava nomi in continuazione e io e il mio buon amico Claudio eravamo li, indaffarati a prendere appunti, a telefonare a Supporti Fonografici, a cercare un po’ di dischi in quel di Verona (dove studiavamo entrambi) e a sentire il più possibile tutte questa band sulle frequenze della BBC. Era una battaglia. La nostra missione era scovare ogni volta un gruppo nuovo di cui innamorarsi e per cui perdere la testa. Io poi, beh, non ne parliamo: idoli nuovi ogni settimana. Qualcuno durava poco, pochissimo, altri seppero resistere di più e diventare parte integrante delle mie giornate per lungo tempo. I Mansun rientrarono in quella categoria. La marcia di avvicinamento al disco fu magnifica, quasi trionfale. Ogni brano nuovo di questi ragazzi mi sembrava irreale, emozionante e capace di conquistarmi fin dalla prima nota. Ho sempre amato fare “air guitar”, io non suono la chitarra ma fantasticare di essere questo o quel chitarrista mi ha sempre affascinato, ma con i Mansun no, immaginavo di essere Paul Draper. Lo vedevo nelle fotografie così bello, carismatico e capace di tutto: chi potevo essere se non lui? Con questo finto microfono in mano mi credevo lui sul palco, impegnato a cantare ‘Egg Shaped Fred‘ o  ‘Take It Easy Chicken‘. Numeri da circo nel mio salotto se ci ripenso adesso. Nel 1996 c’erano anche altri eroi che riempivano i miei ascolti, era inevitabile, eppure, fra i tanti gruppi, i Mansun erano spesso citati anche dai miei amici “britpoppettari” e, ogni volta, non si perdeva occasione di lodarli, insomma erano dei predestinati.

Il colpo da 10 e lode arrivò a inizio 1997. L’album era imminente e poco prima della sua uscita i Mansun fecero uscire, a febbraio, il singolo ‘She Makes My Nose Bleed‘ e da li fu schiavitù totale. Il brano mi colpì a tal punto che, tutt’oggi lo reputo uno dei pezzi migliori della band e sopratutto rese l’attesa per quell’esordio quasi insostenibile. Ogni giorno passavo da Pentagramma e Diesis, i miei negozi musicali veronesi preferiti, nella speranza di trovare quel cd e a tutti citavo questi benedetti Mansun, suscitando per lo più facce perplesse. Ma alla fine arrivò il giorno e quel poster che stava nel negozio di dischi doveva essere mio. Così comperando il cd chiesi anche se potevo avere quella copertina ingrandita in cui capeggiava il nome Mansun: sapevo già che il posto più ambito della mia camera stava per trovare un nuovo padrone.

Il primo ascolto non lo dimenticherò mai. Pelle d’oca. Quegli archi trionfali che aprivano l’album e intanto i miei occhi che venivano rapiti dalle immagini all’interno dell’album: quella di loro vestiti da preti che facevano il medio fu un pugno in faccia. Arrivato a ‘Taxloss‘persi il lume della ragione. Dizionario alla mano cercavo di tradurre i testi e ne restavo sbalordito e intanto quello che sentivano le mie orecchie era paradiso in musica: un tripudio di suoni così rigogliosi e incontenibili. Mi ricordo che quando passavano i brani che già avevo sentito smettevo di guardare i testi, mi alzavo in piedi e facevo l’invasato. Arrivato a ‘Dark Mavis‘ ero senza fiato e senza forze, esaltato e ci mancava poco che mi mettessi a piangere dalla gioia.

Quel disco rimase a lungo sul mio lettore. Cambiavano i cd ma alla fine tornavo sempre li, da Paul Draper e soci. Non riuscivo a farne a meno. Cercavo pure di coinvolgere mia madre e mio padre per ascolti comunitari, ma devo dire che non trovavo grandi consensi.  Credo che basterebbe questo a far capire quanto ho amato i Mansun. Quando vorresti che pure tua madre esprimesse la sua gioia verso una band che ascolti, beh, quello è vero amore”.

Morale della favola?…Beh, è di fronte a dischi così che si può esclamare “CAPOLAVORO TOTALE” (in maiuscolo!). Non credo di poter trovare altre parole per esprimere l’immensa esplosione di suoni, colori, immagini, riverberi, riferimenti che i Mansun crearono in questo album d’esordio. Così ricco che a risentirlo adesso ancora si scoprono cose nuove. Oggigiorno c’è gente che straparla, definendosi influenzata dagli anni ’80. Ascoltate questo disco, poi capirete veramente cosa vuol dire “essere influenzati dagli anni ’80“!

Ridondanti, sinfonici, epici, romantici, aggressivi, oscuri, ballabili, visionari, malinconici, iper melodici, pensierosi…tutto e il contrario di tutto. Un disco immenso.

 

 

Oggi “A Storm in ...

Quando i Verve diedero alle stampe il loro album di debutto, esattamente 25 anni fa (21 giugno 1993), qualcosa di eccitante e sconvolgente ...

Oggi “Synchronicity” dei Police ...

Il titolo del quinto e ultimo album prodotto dai Police, “Synchronicity”, è un chiaro riferimento al principio di sincronicità ...

Oggi “Acido Acida” dei ...

Come spesso accade guardandoci indietro e constatando delle ricorrenze, si resta increduli dalla velocità con cui ogni cosa è stata ...

Oggi “Hail To The ...

Il tempo scorre veloce, così tanto che ti guardi indietro e ti rendi conto che sono già 15 gli anni trascorsi dall’uscita di un album ...

Oggi “The Good Will ...

Contestuale all’uscita del settimo lavoro in studio “Love Is a Basic Need”, i fratelli McNamara e soci hanno annunciato ...