OGGI “THE GOOD WILL OUT” DEGLI EMBRACE COMPIE 20 ANNI

 
di
8 giugno 2018
 

Contestuale all’uscita del settimo lavoro in studio “Love Is a Basic Need”, i fratelli McNamara e soci hanno annunciato per il 2019 un tour celebrativo per festeggiare l’anniversario dei vent’ anni che ricorrono oggi dell’album “The Good Will Out”, il primo iconico lavoro dei ragazzi dello Yorkshire.

Ma facciamo un passo, lungo 20 anni, indietro.

E’ il 1998, immaginatevi il panorama musicale come i mari e gli oceani a cavallo tra quindicesimo e sedicesimo secolo: galeoni, velieri e caravelle battenti bandiera britannica erano padroni incontrastati delle acque; una British Invasion a tutto tondo, in pochissimi anni band come Oasis, Blur, Radiohead, Suede, Pulp, Verve monopolizzavano se non il totale mercato musicale, sicuramente quello del pop rock, alla stregua di quanto fatto in precedenza da Beatles, Rolling Stones, Kinks e poi Who. E mentre alcune imbarcazioni scelsero poi rotte più ardite e sperimentali stanche o appagate da quelle tradizionali (i Radiohead con “Kid A” e i Blur con “13” del 1999) altre scelsero di seguire le mappe già tracciate andando incontro a quello che sarebbe stato il declino del britpop, dovuto sia all’ammutinamento di alcuni potenziali alleati che preferirono ruffiane carriere diplomatiche alle spedizioni di conquista (Coldplay uber alles) che a diversi tipi di progetti che seppero accattivarsi il nuovo favore del popolo (Boyband, nu-metal, hip hop, …).

Ma dietro alle imbarcazioni di punta della flotta si stavano comunque creando vascelli che, ignari del futuro che li avrebbe aspettati, sembravano avere tutte le carte in regola per affiancare i padroni del mare: erano i Travis, gli Starsailor, i Supergrass, appunto i Coldplay. Erano anche gli Embrace.

Richard e Danny McNamara, Steve Firth, Mickey Dale e Mike Heaton esplosero in heavy rotation tra radio e tv di tutto il mondo con il singolo “Come Back to What You Know”: un inno da stadio potentissimo, romantico e malinconico, una melodia semplice quanto epica, una hit clamorosa capace tutt’oggi di far venire la pelle d’oca agli amanti del genere e non solo, grazie al chorus trionfale e il supporto orchestrale. Un pezzo che sembrava scritto a quattro mani, sia nella musica che nelle liriche, da Noel Gallagher e Richard Ashcroft. Un capolavoro predestinato a diventare un’eccellenza del genere.

Nel giro di pochi giorni venne pubblicato l’album “The Good Will Out” (che, dovere di cronaca, era già stato anticipato anche dai singoli “All You Good Good People”, “Fireworks” e “One Big Family”): chitarre elettriche Madchester e shoegaze riviste in chiave pop, uso dell’acustica, del piano e dell’orchestra, basso e batteria ritmici e mai invadenti, armonie immediate e ritornelli catchy, ballate classiche ma ariose ed effervescenti condite da cori e riff, stesura dei testi delicata e candida quanto energica ed emozionante, una timbrica vocale vibrante, unica e riconoscibile. Un ricettario perfetto per ergersi a spalla strappalacrime di fianco ai rebel without a cause come i già affermati pesi massimi del settore.

Un album maestoso e raffigurativo degli anni andati, una tappa obbligata per ogni animo nostalgico, un lavoro che rappresenta il picco della carriera a corrente alternata di una band che, più che per mancanza di talento, cuore e cervello, ha subito la (e della) decozione di un movimento di cui sono diventati alfieri – purtroppo – ormai troppo tardi.

Embrace – “The Good Will Out”
Data di pubblicazione: 8 Giugno 1998
Tracce: 14
Lunghezza: 59:05
Etichetta: Hut/Virgin/Mobetta
Produttori: Youth, Steve Osborne, Dave Creffield

Tracklist:
1. Intro
2. All You Good Good People
3. My Weakness is None of Your Business
4. Come Back To What You Know
5. One Big Family
6. Higher Sights
7. Retread
8. I Want The World
9. You’ve Got To Say Yes
10. Fireworks
11. The Last Gas
12. That’s All Changed Forever
13. Now You’re Nobody
14. The Good Will Out

 

Oggi “His ‘n’ ...

1994, Inghilterra. Il vulcano britpop è in pieno fermento. E l’interesse degli addetti ai lavori alto, altissimo, specie e ...

Oggi “Let Love In” di ...

Nick Cave and The Bad Seeds non sono sempre stati i grandi come li conosciamo oggi, anzi, la loro è stata una genesi lenta e graduale che, ...

Oggi “Doolittle” dei Pixies ...

Per capire bene l’impatto di Doolittle dei Pixies nella storia della musica dobbiamo riavvolgere il nastro della vita di 30 anni. La band ...

Primal Scream: la TOP 10 Brani

I Primal Scream di Bobbie Gillespie hanno annunciato per il prossimo Maggio l’uscita di una raccolta, “Maximum Rock’ N ‘Roll: ...

Oggi “Nordest Cowboys” ...

Il rock come reazione allo smarrimento e come forma di riscatto. Era questa voglia di ribellione ad animare Giulio “Estremo” Casale, ...