POST ANIMAL
When I Think of You in a Castle

[ Polyvinyl Record - 2018 ]
7
 
Genere: Psyck Rock, Rock 'n Roll
 
di
8 giugno 2018
 

Dopo aver ascoltato i primi due EP della band di Chicago, formata da  Dalton Allison (basso), Jake Hirshland (chitarra/tastiere), Javi Reyes (chitarra), Wesley Toledo (batteria), Matt Williams (chitarra) e Joe Kerry (chitarra – ma quel Joe Kerry? Lo Steve Harrington di ‘Stranger Things’? Lui.) l’idea che mi sono fatto è stata chiara e limpida: ecco una band di ragazzi (di certo non working class heroes) che giocano a fare, se non proprio i Pink Floyd, la rock band psichedelica anni ’70 senza aver vissuto gli anni ’70, tra riff lisergici ed allucinati, spartizione della parte cantata e lineari quanto ortodossi virtuosismi strumentali.

Ma della mia opinione i Post Animal sembrano proprio esserne inconsciamente fregati poiché, fermo quanto sopra, hanno deciso con questo primo lavoro in studio – auto registrato e prodotto – di creare una sorta di videogioco d’azione a livelli che spazia tra più generi e mood con balzi e capriole, a scorrimento ondulatorio e vertiginoso.

Gli arpeggi, la pioggia e i suoni 8bit della intro “Everywhere All At Once”, novità rispetto agli EP precedenti, sono la quiete malinconica e disorientante prima della tempesta, un continuo cambio di marcia dove l’aria da elettrica e drogata (“Gelatin Mode”), si fa più glitterata e pop con “Tire Eyes”, “Ralphie” e “Heart Made of Metal”, con il finale di quest’ultima che subitaneo riporta ancora una volta ad atmosfere più rarefatte ed oniriche (“Castle”) per farsi più funky e quasi danzereccia con “Special Moment”, quindi coriacea e sinistra con le chiassose ed aggressive chitarre prog di “Victory Lap: Danger Zone”; saliscendi che prosegue con la pigra e psichedelica “One Thing” per riprendere immediatamente a martellare cupo e frenetico con “Dirtpicker” e chiudere, leggiadro ed arioso, con la ballad rock “Susie”.

Un susseguirsi di climax e momenti meditativi, un’avventura vorticosa e colorata da sole e lampi, inaspettato, variopinto e contagioso, un po’ Tame Impala, un po’ King Gizzard & the Lizard Wizard, un po’ Mac DeMarco che sarebbe un colpevole errore lasciare per strada in attesa comunque della messa in prova più stuzzicante, quella performance live al momento  esclusivo appannaggio di diverse date sparse per gli States.

Oh Yeah.

Tracklist
1. Everywhere All At Once
2. Gelatin Mode
3. Tire Eyes
4. Ralphie
5. Heart Made of Metal
6. Castle
7. Special Moment
8. Victory Lap: Danger Zone
9. One Thing
10. Dirtpicker
11. Susie
 
 

Ride – This Is Not A Safe ...

Ricordo nitidamente di aver letto (altrove, ça va sans dire) un paio d’anni fa una recensione, composita nel lessico quanto scevra ...

Mannequin Pussy – Patience

Certe band vogliono solo veder bruciare il mondo. I Mannequin Pussy, per il momento, si accontentano di osservare compiaciuti il bel ...

Russian Circles – Blood Year

Una chitarra, un basso, una batteria, zero parole. Ai Russian Circles bastano pochissimi elementi per dar forma a un suono sì compatto e ...

Ra Ra Riot – Superbloom

Quinto album per gli eclettici Ra Ra Riot, primo dopo il divorzio dalla storica etichetta Barsuk. Una separazione che non sembra aver ...

PAWS – Your Church On My ...

Il loro terzo album, “No Grace” (2016), era stato prodotto da Mark Hoppus dei Blink 182 e li aveva portati su territori punk-pop: dopo ...