WOODEN SHJIPS
V

[ Thrill Jockey – 2018 ]
7.5
 
Genere: Psych Rock
 
8 Giugno 2018
 

Non esistono calendari né orologi nello psichedelico mondo dei Wooden Shjips. Ci si orienta col sole e con le meridiane. Giorno dopo giorno sono passati cinque anni da “Back To Land”, ultima fatica discografica di Omar Ahsanuddin, Dusty Jermier, Nash Whalen e Ripley Johnson prima di quest’album, il quinto per la band di San Francisco ormai trapiantata a Portland, che non a caso si chiama “V”. Come il numero romano e come lo stilizzato segno della pace che compare in una copertina coloratissima e vivace.

Abbandonata ormai da tempo la frenesia garage e messi in soffitta i ritmi teutonici degli esordi, i Wooden Shjips preferiscono atmosfere più rilassate e tranquille. “Eclipse” procede al piccolo trotto, guidata dalla voce ipnotica di Johnson e dalle note di un sassofono un po’ acido, quasi jazz. Buone vibrazioni e chitarre psych si rincorrono in “In The Fall” e sfociano dentro “Red Line”, una delle canzoni più melodiche e gioiose mai uscite dalle mani di Ripley Johnson, con una linea di basso quasi pop.

L’impressione è che i Wooden Shjips stavolta vogliano soprattutto divertirsi, senza preoccuparsi troppo di rispettare regole decise da altri o di deludere qualcuno. Come spiegare altrimenti quelle note di sintetizzatore che spuntano all’inizio di “Already Gone”, prima che la sei corde di Johnson prenda il sopravvento? I Wooden Shjips più grintosi tornano a farsi sentire nell’assolo di “Staring At The Sun” e in “Golden Flower”, trascinata da basso e batteria. Spetta a “Ride On”, ballata un po’malinconica ma di grande impatto, il compito di far calare il sipario su “V”.

La critica che verrà mossa ai Wooden Shjips sarà la stessa di sempre: quella di non voler, poter o saper modificare più di tanto il proprio sound, scegliendo la via più semplice e battuta tra i tanti sentieri psichedelici. Critica non priva di fondamento, questo va detto, ma è ormai chiaro che da qualche anno a questa parte Ripley Johnson e soci preferiscono concentrarsi sul creare atmosfere particolari più che sulla sperimentazione pura e semplice. E il risultato è comunque di qualità.

Ottimisti, pacifisti ma non certo pacifici, i Wooden Shjips non hanno nessuna intenzione di tirare i remi in barca. Se “Back To Land” somigliava al ritorno in porto di marinai di lungo corso, “V” è la sensazione che si prova a sentire la terra familiare sotto i piedi, godendosi ogni passo. Sapendo che presto sarà ora di partire di nuovo.

Tracklist
1. Eclipse
2. In The Fall
3. Red Line
4. Already Gone
5. Staring At The Sun
6. Golden Flower
7. Ride On
 
 

Vundabar – Either Light

Vundabar. Wonderful per l’altra evoluzione della lingua anglosassone. Brandon Hagen e Drew McDonald  si conoscono dai tempi del ...

Danzig – Danzig Sings Elvis

Il pluriannunciato e lungamente atteso omaggio di Glenn Danzig a Elvis Presley è finalmente qui. Non se ne sta parlando un granché bene ma ...

Rose City Band – Summerlong

L’anno scorso un po’ in sordina è uscito il primo omonimo album del progetto Rose City Band, nome dietro cui si nascondeva e si ...

Happyness – Floatr

Preceduto dai singoli “Vegetable”, “Seeing Eye Do”, “Ouch (yup)” e “title track” con ...

Darman – Necessità interiore

Arriva il nuovo disco di Darman intitolato “Necessità interiore”, un mix di cantautorato rock ed innovazione che passa pure da qualcosa ...