BEST KEPT SECRET 2018
@ (Hilvarenbeek, Olanda, 08-09-10/06/2018)

 
di
14 giugno 2018
 

Dall’8 al 10 Giugno si è svolto, come da diversi anni a questa parte, il Best Kept Secret Festival, nella suggestiva location del parco Beekse Bergen ad Hilvarenbeek, immerso nel verde e per una tre giorni miti e soleggiati ( tanta roba, viste le previsioni) Olandese.

Ottima l’organizzazione, la pulizia. l’acustica e il timetable dei concerti, che ha riservato pochissimi casi di clash.

Venerdì 8 giugno

The Districts – buona la proposta musicale, meno la presenza scenica

Future Islands – Samuel T. Herring porta sul palco sofferenze d’amore, strazianti mimiche e un gesticolare ai limiti del ridicolo . L’offerta musicale, in verità poco variegata, passa in secondo piano.

… And You Will Know Us By the Trail of Dead – martellanti, chiassosi, giovanili nonostante la carriera ultra ventennale.

All Them Witches – accenti postpunk con venuture à la Black Angels. Si guadagnano la pagnotta.

Deerhunter – Accattivanti, vibranti, a tratti onirici. “Desire Lines” è uno dei pezzi migliori degli ultimi anni di rock.

Arctic Monkeys – Delusione. Alex Turner è e resta un talento, la voce migliora anno dopo anno e pure la padronanza del palco. Ma il nuovo album non fa mai scattare il giusto groove, e pure i cavalli di battaglia sembrano al rallenty. La gente, pian piano, abbandona nonostante l’imminente gran finale

The Comet is Coming – Batteria, sax e synth lanciati nello spazio. Incalzanti e coinvolgenti. Da tenere assolutamente d’occhio.

Sabato 9 giugno

Angus & Julia Stone – Magnetici e delicati, buon mood per inizio giornata

Johan – un’onesta oretta di rock (molto) melodico

Wolf Alice – Ellie Rowsell e soci riattivano i nervi, finora troppo rilassati, degli astanti con la loro energia sporca seppur lineare

Slowdive – Probabilmente uno dei migliori act di tutta la rassegna. Un viaggio in volo ad occhi chiusi.

The Kills – Grintosi e seducenti, as usual

Warpaint – un roadshow womenpower che in parecchi si sarebbero evitati volentieri

The National – Monumentali

Four Tet – Probabilmente è anche un interessante artista. Ma vado a dormire.

Domenica 10 giugno

Khruangbin – Chill out mode : ON . Una sveglia così è da mariachi del groove.

Vagabon – una buona voce per una proposta musicale abbastanza piatta

Rodriguez – Ormai , più che un musicista, è un feticcio

Ty Segall and The Freedom Band – famosi per la loro iperproduttività, provano seriamente a buttare giù il loro stage

Preoccupations – performance di sostanza

Mogwai – Se Ty Segall aveva provato a buttare giù lo stage 2 a colpi di pogo qualche ora prima, i Mogwai smantellano le fondamenta del festival tutto. Esperienza live come sempre totalmente appagante.

LCD Soundsystem –  Un live perfetto, per chiudere i giochi con “chiasso di classe”

 

Cloud Nothings – Live @ ...

14 febbraio. Al di fuori delle mura del Circolo Ohibò, prezioso punto di riferimento della scena musicale e culturale alternativa milanese, ...

Cloud Nothings – Live @ Monk ...

di Daniele Cardarelli “Siamo i Cloud Nothings e veniamo dall’Ohio” saranno queste le poche e quasi impercettibili parole che Dylan ...

Subsonica – Live @ Unipol ...

di Franco Scaluzzi Le premesse non erano buone. Il loro ultimo album (“8”, grande fantasia già dal titolo) è sicuramente il ...

Amorphis – Live @ Live Music ...

di Simone Bonetti Autentici pionieri del metal scandinavo più estremo, i finlandesi Amorphis sono di diritto tra le band che hanno ...

The Wombats/Circa Waves – ...

Questa sera in quel del Fabrique (l’ho già scritto che è il miglior posto dove vedere concerti?) va in scena un vero e proprio mini ...