STEPHEN MALKMUS & THE JICKS
Sparkle Hard

[ Matador - 2018 ]
7.5
 
Genere: Rock, Alternative Rock
 
15 Giugno 2018
 

Nuova fatica per il grandissimo Stephen Malkmus. Ad accompagnare l’ex leader dei Pavement, alla settima prova da solista, i soliti The Jicks, composti da Mike Clark (tastiere), Joanna Bolme (basso) e Jake Morris (Batteria). “Sparkle Hard” arriva a 4 anni di distanza dal precedente “Wig Out At Jagbags” ed è stato prodotto da Chris Funk dei Decemberists. Si intuiscono subito le notevoli potenzialità con la tripletta iniziale, “Cast Off”, “Future Suite”, “Solid Silk”.  “Sparkle Hard” è veramente un lavoro incredibile, ben fatto, ispirato. La sensazione è che l’ormai consolidata formazione si sia super divertita. La scaletta, multiforme ma non dispersiva, presenta lo stile indiscusso Pavement in almeno 3 o 4 brani. Già questo varrebbe l’acquisto del disco. Alcuni tratti Wilco nella bellissima “Solid Silk”, ma soprattutto tanta energia, una giusta dose di leggerezza, che non dovrebbe mai mancare senza trascurare una minuziosità di dettagli negli arrangiamenti, nel sound e nell’intenzione. Lucidità ma anche imprevedibilità e istinto. Un mix che veramente ti fa pensare che un disco del genere a metà di questa buonissima annata proprio ci voleva. La scaletta scorre che è una meraviglia. Spunti alt folk, la loureddiana che corteggia il kraut  “Bike Lane” è una superba giocata. La melanconica “Middle America” ti resta dentro e puoi solo canticchiarla per molto moltissimo tempo. Il disco presenta nel mezzo una fase bella suonata con pezzi accattivanti. Vi chiedo di spararvi “Kite” in auto e poi ne parliamo. Interessante spunto country scanzonato con un featuring d’eccezione (Kim Gordon) in Refute e un finalone pseudo-prog, chiudono 40 minuti di puro alternative rock fatto come si deve.

“Sparkle Hard” è uno di quei dischi che ci voleva. Un ben volentieri ritorno agli anni d’oro dell’alternative, delle chitarre suonate, delle canzoni immediate ma complesse, un disco che si lascia affascinare da nuovi direzioni musicali ma con la dovuta cautela. Confermare se stessi oggi non è poi così scontato.

Gran bel disco

Tracklist
1. Cast Off
2. Future Suite
3. Solid Silk
4. Bike Lane
5. Middle America
6. Rattler
7. Shiggy
8. Kite
9. Brethren
10. Refute
11. Difficulties / Let Them Eat Vowels
 
 

Antonioni – Antonioni

Anche se le nuove regole di un mondo che combatte il virus ci ha costretti agli arresti domiciliari, possiamo almeno coccolare i nostri ...

Death From Above 1979 – Is 4 ...

Sembravano destinati a restare in eterno delle meteore i Death From Above 1979 che nel 2006, un paio di anni dopo aver dato alle stampe ...

Du Blonde – Homecoming

Registrato tra Newcastle, Los Angeles e Londra, “Homecoming” è il quarto album per Beth Jean Houghton (il terzo con il moniker di Du ...

Jacques Moolman – The Great ...

Jacques Moolman proviene da Johannesburg ed è il frontman degli Shadowclub, rock band sudafricana: dopo aver passato i suoi anni formativi ...

The Natvral – Tethers

Dopo aver chiuso il ciclo dei Pains Of Being Pure At Heart con il quarto LP, “The Echo Of Pleasure”, uscito a settembre 2017, Kip Berman ...