WEEKLY RADAR #31: ABSOLUTELY YOURS

 
19 Giugno 2018
 

Attiviamo il radar e scandagliamo in profondità un universo musicale sommerso. Ogni settimana vi racconteremo una band o un artista ‘nascosto’ che secondo noi merita il vostro ascolto. Noi mettiamo gli strumenti, voi orecchie e voglia di scoperta, che l’esplorazione abbia inizio (e mai una fine)…

Nascono in modo un po’ strano gli Absolutely Yours di Brooklyn. Al termine della loro unione sentimentale Bridget Collins e Jeffery Klonoski non decidono di mandarsi a quel paese e chiudere i rapporti, ma anzi, aprono a una collaborazione musicale che si concretizza proprio nella nascita della band. Il 2015 è l’anno dell’ EP omonimo, che presenta questo indie-rock venato dream-pop, con angoli smussati e buon ritmo. Molto delicata “Let It Ride”, quasi un folk-pop dalle suggestioni autunnali.

Nel 2017 esce il primo album vero e proprio della band che nel frattempo vede sempre più ridotto il contributo di Klonoski, che da li a poco lascerà il gruppo. Ci sono anche due membri nuovi, ovvero Max Currier al basso e Matt Addison alla batteria. “Princess Plum” è una vera delizia, così gentile ed etereo che a tratti sembra proprio proprio di sognare ad occhi aperti. Rispetto all’EP precedenti i ragazzi di Brooklyn si sono fatti più carezzevoli, con i ritmi bassi che accompagnano ovattate chitarre e la voce dolcissima di Bridget. Impossibile non lasciarsi cullare da simili onde.

2018. Al gruppo si aggiunge Ben Jones e il 25 maggio esce il mini-album “Impossible Bouquet”, che in sei brani ci rimarca la bontà del progetto Absolutely Yours. Il suono rimane sempre dolcissimo e impregano di magia onirica, come nel brano “Something Else”, ma fa capolino anche una vitalità e una fisicità maggiore, che mantengono intatta la purezza del suono, rendendolo però appena più corposo (“Swan Dive” e “Diagonal Lines”). Vera perla dell’intero lavoro è “Take A Day Off”, che si muove dolce e avvolgente per trovare un ritornello così incantevole che ci porta dritti nel paradiso del pop: incanto in musica quando sfuma in riverberi dream-pop nel finale.

Decisamente “Impossible Boutique” è il miglior lavoro di una band che, in 3 anni, ha fatto davvero dei passi da gigante in avanti. Complimenti!

 

Sara’ Paul McCartney uno ...

La notizia arriva direttamente dall’account facebook ufficiale del celebre festival ingelse: sir Paul McCartney è il primo headliner ...

Il Campione

Ennesima variazione su tema rapporto studente difficile/professore, del quale ricalca dinamiche e topoi, “Il campione” è la ...

WIVES – So Removed

La scena musicale di New York è sempre ricca e generosa nel generare e proporre nuove band ed artisti. Numerose realtà si materializzano ...

Blaenavon – Everything That ...

I Blaenavon, avevano negli anni passati catturato l’attenzione di molti e alimentato le speranze di chi si aspettava da loro grandi ...

L’ultimodeimieicani – Ti ...

Più elettrici e indie rispetto al disco d’esordio, L’ultimodeimieicani con “Ti Voglio Urlare” si pongono a metà tra i Canova e gli ...