COBRA KAI
Stagione 1

 
 
di
25 giugno 2018
 

di Dario Thorre

Tanto lo sapevo che prima o poi avrei cambiato idea anche se ormai non ci speravo più.

Diciamocelo, sono ormai anni che ci propinano sequel, reboot e prequel di film rimasti nell’immaginario popolare fallendo miseramente perchè il problema di fondo è uno, secondo me: una storia appartiene ad un momento storico, a quell’epoca e basta. Appartiene al colpo di genio, ad un momento irripetibile che un autore, un regista o uno sceneggiatore hanno avuto e che non potrà mai essere eguagliato. Tutto quello al quale ho assistito ultimamente non ha mai sfiorato la magia di capolavori come, e faccio un esempio lampante, Ghostbusters. Attori indimenticabili, ironia e avventura dosate in modo perfetto e sappiamo tutti cosa è accaduto al film, che nemmeno oso chiamare con lo stesso nome, due anni fa.

Poi succede il miracolo e a rispondere ad un prodotto dimenticabile quale può essere The Karate Kid con Jackie Chan, arriva qualcosa che ha passione e rispetto per ciò che è stato. Cobra Kai è il risultato di questi due ingredienti. Prodotto da You Tube Red, Ralph Macchio (il fu Daniel Larusso) e William Zabka (Johnny Lawrence) stessi, questa serie è l’ideale e perfetto sequel della trilogia di Karate Kid diretta da John G. Avildsen dall’84 all’89 e ne conserva tutte le caratteristiche ci hanno fatto amare Daniel Larusso, Sensei John Kreese e sopratutto il mitico maestro Miyagi. Pat Morita non c’è più, ma vi assicuro che in molti momenti di questi dieci episodi della prima stagione, ne avvertiamo la presenza con commozione.

L’abilità degli autori è stata quella di riproporre i due personaggi che tutti conosciamo catapultandoli nella All Valley odierna e affiancandogli una nuova generazione di teen agers alle prese con i problemi che affliggono tutti gli adolescenti. Certo, ogni tanto si cade nel melenso e nella citazione forzata ai vecchi film, ma perbacco, vedere un Johnny alle prese con una dipendenza da alcool, separato, con un figlio il cui rapporto è a zero e che deve sbarcare il lunario facendo il manutentore nelle ville dei ricconi ce lo rende subito più simpatico sopratutto quando fissa con sguardo disperato dalla sua automobile con i Poison a palla, i cartelloni pubblicitari con il faccione di Ralph Macchio/Daniel Larusso, ormai agiato venditore di automobili di lusso con due figli, moglie affascinante e villa con piscina.

La situazione è ribaltata e nelle dieci puntate assisteremo ad una escaltion di colpi di scena senza sosta, compreso il ritorno del dojo di karate più amato della storia del cinema: il Cobra Kai. La prima stagione la si può vedere in chiaro solo per le prime due puntate, sottotitolate in inglese, sul tubo, per poi essere acquistate, dalla terza in poi, ad un prezzo davvero irrisorio. Fidatevi, tornate ad All Valley e accompagnate Johnny nel suo tentativo di rinascere come uomo e come atleta, seguite di nuovo Daniel che riscoprirà gli insegnamenti di Miyagi che per troppo tempo aveva dimenticato, salite sulla pedana ripetendo come un mantra: Cobra Kai, non muore mai!

Paese: Stati Uniti d'America
Anno: 2018
Episodi: 10

Ideatore: Jon Hurwitz, Hayden Schlossberg, Josh Heald
Soggetto: Robert Mark Kamen
Interpreti e personaggi
William Zabka: Johnny Lawrence
Ralph Macchio: Daniel LaRusso
Courtney Henggeler: Amanda LaRusso
Xolo Maridueña: Miguel Diaz
Mary Mouser: Samantha LaRusso
Tanner Buchanan: Robby Keene

Fotografia: Cameron Duncan
Montaggio: Nicholas Monsour, Jeff Seibenick, Ivan Victor
Musiche: Leo Birenberg, Zach Robinson
Casa di produzione: Overbrook Entertainment, Hurwitz & Schlossberg Productions, Sony Pictures Television
 

Il Sacrificio Del Cervo Sacro (The ...

Come da tradizione, grazie a movimenti di macchina chirurgici e un commento musicale inquietante, Lanthimos innesca il suo quinto film ...

A Beautiful Day (You Were Never ...

E’ un film non privo di difetti. Il più grande dei quali è una diegesi piuttosto confusionaria. Ramsey – che il film lo ha ...

Avengers: Infinity War

Ho letto in giro che qualche fan irriducibile di qualche supereroe, mi pare di Hawkeye, si sia lamentato per l’assenza dei propri ...

I, Tonya (Tonya)

La storia di Tonya Harding sarebbe stata avvincente anche sotto le spoglie di una biopic sportiva più canonica, ma il regista Craig ...

Verónica (Veronica)

Di Veronica mi è piaciuta una cosa: l’ambientazione nella Madrid degli anni ’90. Viene mostrata la luce del sole azzeccata, i ...