FRANK TURNER
Be More Kind

[ Xtra Mile Recordings - 2018 ]
8
 
Genere: indie-folk,indie-rock
 
25 giugno 2018
 

“Positive Songs For Negative People” era arrivato circa tre anni fa: nel frattempo Frank, come sempre, aveva girato il mondo in tour e, lo scorso anno, aveva realizzato anche una raccolta, “Songbook”. Qualche settimana fa, invece, è uscito questo suo settimo LP solista, “Be More Kind”, prodotto dagli ex White Denim Austin Jenkins e Joshua Block, insieme a Charlie Hugall, noto soprattutto per la sua collaborazione con Florence And The Machine.

Se negli ultimi due album il musicista nativo del Bahrain aveva parlato soprattutto di problemi relativi alla fine della sua precedente relazione, ora (che è di nuovo felicemente fidanzato – con l’attrice Jessica Guise, per la cronaca) è tornato ad analizzare maggiormente la società che ci circonda, usando, però, un suono che spesso trova novità a cui non ci aveva certo abituato in passato.

Sarà qualcosa di sbagliato? Potrà aver tradito una parte della sua fanbase con questo “Be More Kind”? La nostra opinione è positiva e crediamo, invece, che i suoi cambiamenti possano essere un ulteriore segno di maturità.

Già il titolo (che proviene da una poesia del 2013 dell’australiano Clive James) puo’ essere considerato come un messaggio molto importante in questi tempi così difficili per il nostro pianeta: “Be More Kind” – la frase, non il titolo del disco – è un messaggio universale che vuole indicare come sia necessario essere più gentili nei confronti degli altri (ascoltate, per esempio, la tranquilla title-track, riflessiva e arricchita dal prezioso suono del violino, per carpire questo messaggio).

Oltre alla bella “There She Is”, che è una vera e propria canzone d’amore dal sound piuttosto ricco ed elegante, una delle più interessanti novità che hanno spinto Frank fuori dalla sua comfort-zone è sicuramente “Make America Great Again”: chiariamoci subito, qui il messaggio non ha proprio nulla a che fare con quello negativo che sta portando avanti il presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Il musicista inglese, invece, da grande stimatore dell’America, ricorda ai suoi fan quali questi valori siano (compassione, tolleranza, comprensione), facendo uso in maniera intelligente e garbata dell’elettronica, senza far mancare comunque al brano della dovuta energia.

Ci piacciono molto i synth utilizzati in “Blackout”, che danno una dimensione dancey al pezzo; ottimo anche il coro gospel di “Brave Face”, inaspettato quanto piacevole, che porta Frank verso territori soul, mentre la conclusiva “Get It Right” è acustica, morbida, riflessiva, malinconica e semplice e ci ricorda tutta la sincerità del musicista inglese.

Mentre lancia messaggi importanti, Frank Turner è riuscito anche a modificare la sua traiettoria sonora, aggiungendo nuovi elementi al suo sound, senza però snaturarlo: un altro passo vincente per lui.

Tracklist
1. Don't Worry
2. 1933
3. Little Changes
4. Be More Kind
5. Make America Great Again
6. Going Nowhere
7. Brave Face
8. There She Is
9. 21st Century Survival Blues
10. Blackout
11. Common Ground
12. The Lifeboat
13. Get It Right
 
 

Sigrid – Sucker Punch

Tripudio pop proveniente dalla Norvegia sotto forma della principessina Sigrid che piazza un debutto più che convinvente, permettendosi ...

Sun Kil Moon – I Also Want To ...

Caro Mark Kozelek, quando ti deciderai a prendere un piccolo periodo di vacanza? Negli ultimi anni l’ex leader dei Red House Painters ha ...

Badflower – OK, I’M ...

Ci sono artisti e band che per raggiungere la fama, anche se discreta, hanno bisogno di anni, alcuni album pubblicati o del classico colpo ...

Queensryche – The Verdict

I tempi d’oro di “Operation: Mindcrime” e “Promised Land” saranno pure lontanissimi, ma per fortuna i Queensrÿche sono ancora ...

Foals – Everything Not Saved ...

Ambizioso il progetto dei Foals, che, dopo aver firmato il contratto con la Warner, hanno deciso di realizzare un doppio album, la cui prima ...