WARMDUSCHER
Whale City

[ The Leaf Label - 2018 ]
7
 
Genere: psych Rock, Post-Punk Rock, Soul pop, Experimental garage.
 
27 Giugno 2018
 

Definire i Warmdusher un supergruppo potrebbe sembrare un azzardo, magari “Side Project” (di ognuno dei componenti del gruppo) è più vicino alla realtà ma di certo i cinque artisti che compongono la band sono proprio dei bei personaggi. Il frontmam Clams Baker Jr (Craig Louis Higgins Jr) è quel cowboy che capeggia i Paranoid London. Poi ci imbattiamo nel simpatico chitarrista e membro di primo piano dei Fat White Family, Saul Adamczewski meglio conosciuto come “The Saulcano” che ha pure il suo solo project “Insecure Men “.
Mr. Salt Fingers Lovecraft (Ben Romans-Hopcraft) è il frontman dei “Childhood”, collabora con Saul nei “Insecure Man” ed è il bassista della band.
Lightnin’ Jack Everett, ex FWF e attualmente nei “Insecure Man” è il batterista. Per concludere, The Witherer aka Little Whiskers (Quinn Whalley) si occupa della strumentazione elettronica (synth) e fa parte pure lui dei Paranoid London.

La leggenda narra che la band sia nata per caso durante un party a New York, si festeggiava San Silvestro e possiamo facilmente immaginare come suonarono in quella notte che apriva le porte al 2015. Suppongo qualcosa di simile a quello che possiamo ascoltare nel loro primo album, “Khaki Tears” uscito pochi mesi dopo: vale la pena ascoltarlo almeno una volta per poter solennemente dichiarare che la musica non ha regole e tantomeno confini. Tre anni dopo la band si riunisce con alcune variazioni di formazione, tre singoli e l’album “Whale City” registrato in un paio di giorni presso gli Speedy Wunderground Studio in Stretham. Sarà che agli spavaldi ragazzotti di Londra sia stato affiancato un produttore con gli attributi (Dan “The Laser” Carey), sarà che i nuovi componenti della band avranno contribuito con nuove idee, strumenti ed incentivi più o meno leciti, sarà per la positiva influenza di qualche fenomeno astrale non ancora ufficializzato dalla NASA ma quello che hanno messo insieme questi pazzi é davvero un album molto più che dignitoso.

Anche se leggiamo undici titoli i pezzi veri e propri sono otto: tre sono interludi piazzati qua e là nel disco dove la voce narrante di Clams ci accompagna per le strade di questa inquietante città. A differenza del musicalmente anarchico esordio, “Whale City” è invece una raccolta di canzoni più strutturate. Generalmente si basano su riff di chitarra soul o blues (ma anche funky e dance) con il basso spesso sovrapposto sul quale si costruisce il pezzo arricchito dai contributi ritmici ed elettronici. La voce di Clams è usata nei modi più differenti: soft ed elegante alla maniera dei crooner più attempati ma anche urlata come nelle migliori tradizioni punk e, sorpresa, sofferta ed emozionante come solo i grandi del Soul saprebbero interpretare. “Standing on the Corner” con il suo ritmo psych-funky, “Big Wilma” con un ritmo elevatissimo che ci ricorda gli Oh Sees, “Whale City” che personalmente ritengo sia il pezzo più coinvolgente dell’album, la conclusiva “Summertime Tears” con il suo caldo ed avvolgente ritmo latino sono alcuni dei brani che ci fanno respirare l’aria di questa città non certo situata tra i confini britannici. L’atmosfera è quella tipica di alcuni film girati negli anni ’70, con protagonista la comunità afro-americana. Clams è cresciuto in quel periodo a New York, una città molto meno sicura rispetto ai giorni nostri.

L’album è quindi un viaggio nello squallore di quelle strade ed i protagonisti sono personaggi ambigui e poco raccomandabili.
Ma attenzione, un senso di gioia pervade tutto lo scorrere dell’ album (una mezz’oretta molto spassosa): i cinque si divertono molto, si sono chiusi per pochi giorni in uno studio di registrazione e senza neppure fare qualche prova in “saletta” hanno concluso il lavoro.
Bravo quindi Dan Carey a tenerli a bada e produrli, forse con Kylie Minogue ha faticato molto meno, dal punto di vista disciplinare intendo, ma si sarà di certo divertito ed incuriosito chiedendosi come possano certi “stronzi” essere una band e riuscire pure a scrivere canzoni con tanta facilità.
Se lo chiedono pure loro ma per ora possiamo confermare che ci stanno brillantemente riuscendo.

Tracklist
1. Bright Lights
2. Standing on the Corner
3. Big Wilma
4. 1000 Whispers
5. The Sweet Smell of Florida
6 No Way Out
7. I Got Friends
8. Whale City
9. Straight to the Top
10.The Beginning
11. Summertime Tears
 
 

Greet Death – New Hell

Quest’anno Babbo Natale ha dovuto risvegliare in anticipo di oltre un mese le sue amate renne per portarci in dono il nuovo lavoro degli ...

Due – Due

Avevamo già apprezzato il disco d’esordio di Luca Lezziero, così scarno, acustico ed evocativo, alla ricerca di un linguaggio ...

Il Buio – La città appesa

Sei anni dopo il debutto intitolato “L’oceano quieto”, Il Buio riemerge dalla provincia vicentina per portarci a fare un giro nel ...

Sean Henry – A Jump From The ...

E’ passato poco più di un anno dall’uscita del suo primo LP, “Fink”, ma Sean Henry il mese scorso ha già pubblicato questo suo ...

William Patrick Corgan – ...

Arriva un po’ come un piccolo regalo a sorpresa questo “Cotillions”, terzo album solista di William Patrick Corgan (per gli amici ...