ARTMAGIC
The Songs Of Other England

[ Artmagicmusic - 2018 ]
6
 
Genere: indie pop, britpop, pop rock
 
di
9 luglio 2018
 

Quando penso a Richard Oakes, penso al 17enne enfant prodige che nel 1994 entrò nei Suede pochi mesi dopo l’uscita di “Dog Man Star”, penso alla sua chitarra sempre elegante, precisa e coinvolgente in piena tradizione brit rock che fa da contrappeso ad una presenza scenica minimale, da comprimario (e con un animale da palco come Brett Anderson, sarebbe comunque difficile per chiunque fare diversamente): gli stessi arpeggi, le pennate, gli assoli, avevamo avuto modo di sentirli ancora anche nel precedente lavoro degli Artmagic “Become The One You Love” datato 2012.

A sei anni di distanza quello che è fondamentalmente un progetto a due tra la chitarra dello stesso Oakes e Sean McGhee (che vanta produzioni o collaborazioni con nomi del calibro di Alison Moyet o Alanis Morrissette) alla voce, torna con questo “The Songs of Other England” che denota un cambio di prospettiva radicale nello storytelling (da racconti vicini all’autobiografia ed a propri sentimenti ed emozioni a narrazioni sulle vite degli altri o su temi universali, quali l’amore, la solitudine, …) ma lo stesso fascino melanconico e gli stessi accenti folk che avevano caratterizzato il precedente capitolo.

Arrangiamenti impeccabili con uso importante ma non invasivo di tastiere e synth, melodie semplici e dirette, atmosfere decadenti ma umane, quotidiane, sincere.

Il lavoro si apre con “The Farmer and The Field” che sa tanto di Genesis e di racconto bucolico moderno impreziosito da un Oakes mai invadente e sempre raffinato, per proseguire con l’altrettanto melodica “The Songs of Other England” e la solitudine del mesto ( e senza amore) pescatore di “The King of Fishers”; i toni si fanno più briosi ed incalzanti con “I Won’t Change You”, mentre “Clean Room”, primo singolo dell’album, riporta i colori su tonalità più nebbiose ed opache. “The Boys’ Own Book of Birds” è un altro spaccato su caratteri terzi e le loro passioni ( di una donna e il birdwatching, diletto troppo presto accantonato, in questo caso) dove Oakes irrompe con una chitarra shoegaze tempestosa e conturbante, “Into the Light” parla del poeta Alfred Edward Housman, mentre “The Dark of Human Heart” è il pezzo più scuro, con una batteria a scandire ritmi quasi militareschi e Oakes a creare un’aura continua e trasversale di inquietudine e disorientamento; l’album si chiude con la “Sing for the Snowfall” una sorta di filastrocca disillusa e disincantata, lasciando dei riscontri piuttosto chiari: il disco è un’opera di sostanza, istintiva ma non approssimativa, Oakes  dimostra ancora una volta classe e stile; quello che, semmai, non convince è – al netto di una capacità narrativa e di stesura valida e dalle immagini vivide – la voce di McGhee che raramente colpisce, difficilmente emoziona ed è lontanissima dal catturare l’ascoltatore.

 

 

Tracklist
1. The Farmer And The Field
2. The Songs Of Other England
3. The King Of Fishers
4. The Fruit Of The Mystery
5. I Won’t Change You
6. Black Flowers Bloom
7. The Clean Room
8. The Boys’ Own Book Of Birds
9. Into The Light
10. The Dark Of The Human Heart
11. Sing For The Snowfall
 
 

Laura Veirs – The Lookout

Il suo album precedente, “Warp And Weft”, era uscito nel 2013, proprio pochi mesi dopo la nascita del suo secondo figlio Oz Rhodes e in ...

Alan Spicy – Frammenti

Gli Alan Spicy sono al loro esordio con l’EP “Frammenti”, la band, originaria della provincia di Rieti si presenta con ...

Tanukichan – Sundays

Dannata domenica, giorno amato e odiato. Così lontanto dal venerdì ricco di aspettative e troppo vicino al lunedì. Giornata dedicata ...

Stuart A. Staples – ...

Mi innamorai dei Tindersticks un’estate di tanti anni fa, quando vidi la copertina di “Can our love” campeggiare su quella del ...

Magic Wands – Abrakadabra

Il duo Chris e Dexy Valentine, base a Los Angeles, torna con il terzo album “Abrakadabra”. Il primo lavoro “Aloha Moon” aveva ...