TANCRED
Nightstand

[ Polyvinyl Record Co. - 2018 ]
6
 
Genere: indie-pop-rock
Tags:
 
di
9 luglio 2018
 

di Nicola Perina

Continua la prolifica carriera della cantante e chitarrista Jess Abbot, aka Tancred, classe 1991. Dopo gli esordi con i Now, Now, “Nightstand” è il suo quarto disco solista, il secondo per Polyvinyl, che segue il bellissimo “Out of the garden”, disco di pop rock cristallino farcito di fuzz ammiccanti che raccolse consensi molto positivi.

L’urgenza espressiva con cui aveva stupito tutti in “Out of the garden” sembra essersi placata, la nostra Jess pare qui alla ricerca di una propria dimensione, l’immagine di copertina dallo stile noir anni ‘30, che la rappresenta in una posa pacata e così introspettiva, simboleggia il cambiamento che sta avvenendo dentro di lei. In “Nightstand” tutto ciò si sente eccome, è un disco di transizione, sicuramente meno ispirato del precedente, e con ahimè, non pochi difetti. Uno su tutti…Jess ma dove sono finiti i ritornelli? Si perché la maggior parte delle canzoni partono molto bene ma poi svaniscono in arrangiamenti troppo forzati che incasinano solamente l’ascolto…peccato.

Ma non tutto è perso, anzi, Tancred rivela un lato che si intravedeva solamente nel disco precedente: una certa dimestichezza con ballate e pezzi più riflessivi che trasudano delicatezza e armonia, beh, merita qui una citazione. Da segnalare a questo proposito “Clipping” (la miglior canzone del disco per me) e “Strawberry Selfish”. La direzione dei suoi lavori futuri dovrebbe essere questa secondo me.

Resta di base, per fortuna, quell’aria pop rock alla ‘Dawson’s Creek’, ma nei pezzi tirati, che dovrebbero trascinare di più come accadeva in “Out of the garden”,Tancred perde la bussola e finisce per essere inconcludente. Paradossalmente, come dicevo, in “Nightstand” le parti sembrano essersi invertite perché è appunto nei momenti più riflessivi che la nostra invece tira fuori le palle.

Sufficienza meritata per le intenzioni molto positive. Ma non oltre.

Tracklist
1. Song One
2. Queen of New York
3. Apple Tree Girl
4. Hot Star
5. Clipping
6. Something Else
7. Underwear
8. Just You
9. Strawberry Selfish
10. Reviews
11. Rowing
 
 

J Mascis – Elastic Days

I dischi solisti di J Mascis ormai non sono più una sorpresa. Ha iniziato a spogliarsi del rumore folle praticato dai Dinosaur Jr. a metà ...

Sun Kil Moon – This is My ...

Dopo il recente passaggio solista tout court, Mark Kozelek torna a scrivere per il progetto Sun Kil Moon ed il prodotto è questo ...

Francesco Di Bella – ‘O ...

Francesco Di Bella, ex frontman dei 24 Grana, gruppo cardine degli anni ’90, ritorna con un nuovo album di inediti, a distanza di due anni ...

Papercuts – Parallel Universe ...

Dopo quattro anni dall’ultimo disco “Life Around the Savage”, torna Jason Quever con i suoi Papercuts, e conferma la sua ...

Rude Dude and the Creek Freaks ...

Cosa succede se unisci il post punk con il garage rock? Effettivamente non è una domanda che mi son mai posto, anche perché non ho mai ...