ESSEX GREEN
Hardly Electronic

[ Merge Records - 2018 ]
9
 
Genere: Indie pop, songwriting
 
11 luglio 2018
 

Pensavo che gli americani The Essex Green non li avrei più rivisti, in fondo era da tantissimo che non pubblicavano niente, dal lontano 2006 anno di uscita di “Cannibal Sea”.
Eccoli invece ritornare, rispuntare dal nulla con un ottimo album “Hardly Electronic”, sicuramente uno dei migliori ascoltati nei primi sei mesi del 2018.
“Hardly Electronic” è un lavoro davvero inaspettato, pieno di piccole gemme, che si ascolta dall’inizio alla fine senza annoiarsi.

In tutto il disco c’è una cura maniacale degli arrangiamenti e le voci di Sasha Bell e Jeff Baron si fondono in modo notevole, raggiungendo in molti brani combinazioni perfette.
Se è vero che nel loro modo di comporre si ritrovano influenze folk e country, il prodotto finale si avvicina molto a band tipicamente inglesi quali i Belle and Sebastian e The Beautiful South, esprimendo un songwriting di altissimo livello.
L’album apre con i tre singoli che ne avevano anticipato l’uscita, “Sloane Ranger” e “The 710”, che colpiscono per freschezza e linea melodica, e “Don’t Leave It In your hand” che, con la sua apertura di basso e batteria, in un mondo perfetto sarebbe al primo posto di tutte le classifiche.
Gli episodi felici in questo album si susseguono ininterrottamente, mi limito a citarne solo alcuni come la bellissima “Modern Rain” che sembra uscita da un album dei Beatles, “Patsy Desmond” che starebbe bene in un the best dei Belle and Sebastian , e “January Says” con un ritornello in perfetto stile Oasis.

The Essex Green hanno fatto un grande passo in avanti e, qualunque cosa abbiano combinato in tutti questi anni, li ha sicuramente portati ad una maturità compositiva impressionante,  Christopher Zither, Sasha Bell e Jeff Baron magistralmente combinano   organo, chitarra, archi,  impreziosendoli con alchimie vocali e cori semplicemente perfetti.

Un lavoro così ben prodotto e così ispirato spero che doni alla band la consapevolezza della loro capacità, che li convinca che The Essex Green sono un progetto da curare e sviluppare e pertanto li porti questa volta a preparare nuovi lavori con maggiore celerità.
Se avete apprezzato in passato il sound e la sensibilità di artisti come Belle and Sebastian, The Beautiful South, e anche dei nostri Baustelle, non potete perdervi questo album, perché questo sarà uno dei dischi della vostra estate, e questa sarà una  band che non perderete più di vista.

Tracklist
1. Sloane Ranger
2. The 710
3. Don't Leave It in Our Hands
4. In the Key of Me
5. Modern Rain
6. Catatonic
7. Patsy Desmond
8. Bye Bye Crow
9. Waikiki
10. January Says
11. Slanted By Six
12. Smith & 9th
13. Another Story
14. Bristol Sky
 
 

J Mascis – Elastic Days

I dischi solisti di J Mascis ormai non sono più una sorpresa. Ha iniziato a spogliarsi del rumore folle praticato dai Dinosaur Jr. a metà ...

Sun Kil Moon – This is My ...

Dopo il recente passaggio solista tout court, Mark Kozelek torna a scrivere per il progetto Sun Kil Moon ed il prodotto è questo ...

Francesco Di Bella – ‘O ...

Francesco Di Bella, ex frontman dei 24 Grana, gruppo cardine degli anni ’90, ritorna con un nuovo album di inediti, a distanza di due anni ...

Papercuts – Parallel Universe ...

Dopo quattro anni dall’ultimo disco “Life Around the Savage”, torna Jason Quever con i suoi Papercuts, e conferma la sua ...

Rude Dude and the Creek Freaks ...

Cosa succede se unisci il post punk con il garage rock? Effettivamente non è una domanda che mi son mai posto, anche perché non ho mai ...