HOLY ESQUE
Television / Sweet

[ Beyond The Frequency - 2018 ]
5.5
 
Genere: Rock, Indie Rock, Post Punk
 
di
11 luglio 2018
 

Quando penso alla Scozia, penso a tante band che mi hanno lasciato qualcosa di particolare: penso ai Primal Scream, ai Teenage Fanclub, ai Mogwai, per tacere di altri pezzi da 90.

Avvicinatomi, con ritardo, agli Holy Esque, ammetto che l’asticella delle aspettative non era altissima, ma sicuramente sfidante, e con questo spirito li ho affrontati.

Il primo “At Hope’s Ravine” è onestamente un lavoro dal suono curato, dall’aura leggendaria, con continui richiami e rimandi a grandi band “scure” del passato (Ozzy Osbourne, Cure, Joy Division, Smashing Pumpkins, …); di converso, diverse cose non mi hanno convinto: originalità prossima allo zero, sin troppa omogeneità tra i pezzi, la voce di Pat Hynes che più che vibrante pare ( forzatamente, per giunta) tremolante, un’abilità strumentale senza particolari valori aggiunti, la mancanza di un pezzo-inno di riferimento che pareva necessario per come impostato l’album, una composizione dei testi dal peso specifico abbastanza debole e comunque troppo pop per essere grigia e tragica come probabilmente nelle loro intenzioni.

Questo nuovo “Television/Sweet” dei ragazzi di Glasgow ha accenti più industriali e criptici, un uso abbondante (ma, diciamocelo, molto poco variegato) di tastiere e synth, la voce di Hynes è ancora tremula ma, cercando però di spaziare tra più stili e tonalità, gli va comunque riconosciuta una peculiare timbrica che lo rende ben riconoscibile, ed i testi hanno a loro volta caratteri più profondi e personali.

La ricerca di atmosfere cupe e post punk è ancora il fil rouge di tutta l’opera, con deviazioni dagli accenti più new wave anni ’80 ( “He, Spectral Electra”,”House of  Hounds” o “Modern Tones” con i loro improvvisi cambi di ritmo e spartito), così come l’impostazione tesa a dare intensità a tutto il lavoro (il singolo di lancio “I Am The Truth” ne è fulgido esempio): quello che manca, piuttosto e purtroppo, è un sostanziale spessore che dovrebbe invece, se non immediatamente, costruirsi in itinere e dare un senso fondato a tutta la composizione, con il rischio invece di far lasciare nel dimenticatoio quest’album con la stessa velocità con cui è stato positivamente accolto il richiamato primo “At Hope’s Ravine”.

Ad maiora

Tracklist
1. Image Of Man
2. I Am The Truth
3. House Of Hounds
4. Give Me Your Stillness
5. Belly Full Of Dread
6. Modern Tones
7. He, Spectral Electra
8. Anxiety
9. To The Cage You Go
10. Filth Or Passion
11. Television/Sweet
 
 

J Mascis – Elastic Days

I dischi solisti di J Mascis ormai non sono più una sorpresa. Ha iniziato a spogliarsi del rumore folle praticato dai Dinosaur Jr. a metà ...

Sun Kil Moon – This is My ...

Dopo il recente passaggio solista tout court, Mark Kozelek torna a scrivere per il progetto Sun Kil Moon ed il prodotto è questo ...

Francesco Di Bella – ‘O ...

Francesco Di Bella, ex frontman dei 24 Grana, gruppo cardine degli anni ’90, ritorna con un nuovo album di inediti, a distanza di due anni ...

Papercuts – Parallel Universe ...

Dopo quattro anni dall’ultimo disco “Life Around the Savage”, torna Jason Quever con i suoi Papercuts, e conferma la sua ...

Rude Dude and the Creek Freaks ...

Cosa succede se unisci il post punk con il garage rock? Effettivamente non è una domanda che mi son mai posto, anche perché non ho mai ...