HOLY ESQUE
Television / Sweet

[ Beyond The Frequency - 2018 ]
5.5
 
Genere: Rock, Indie Rock, Post Punk
 
di
11 luglio 2018
 

Quando penso alla Scozia, penso a tante band che mi hanno lasciato qualcosa di particolare: penso ai Primal Scream, ai Teenage Fanclub, ai Mogwai, per tacere di altri pezzi da 90.

Avvicinatomi, con ritardo, agli Holy Esque, ammetto che l’asticella delle aspettative non era altissima, ma sicuramente sfidante, e con questo spirito li ho affrontati.

Il primo “At Hope’s Ravine” è onestamente un lavoro dal suono curato, dall’aura leggendaria, con continui richiami e rimandi a grandi band “scure” del passato (Ozzy Osbourne, Cure, Joy Division, Smashing Pumpkins, …); di converso, diverse cose non mi hanno convinto: originalità prossima allo zero, sin troppa omogeneità tra i pezzi, la voce di Pat Hynes che più che vibrante pare ( forzatamente, per giunta) tremolante, un’abilità strumentale senza particolari valori aggiunti, la mancanza di un pezzo-inno di riferimento che pareva necessario per come impostato l’album, una composizione dei testi dal peso specifico abbastanza debole e comunque troppo pop per essere grigia e tragica come probabilmente nelle loro intenzioni.

Questo nuovo “Television/Sweet” dei ragazzi di Glasgow ha accenti più industriali e criptici, un uso abbondante (ma, diciamocelo, molto poco variegato) di tastiere e synth, la voce di Hynes è ancora tremula ma, cercando però di spaziare tra più stili e tonalità, gli va comunque riconosciuta una peculiare timbrica che lo rende ben riconoscibile, ed i testi hanno a loro volta caratteri più profondi e personali.

La ricerca di atmosfere cupe e post punk è ancora il fil rouge di tutta l’opera, con deviazioni dagli accenti più new wave anni ’80 ( “He, Spectral Electra”,”House of  Hounds” o “Modern Tones” con i loro improvvisi cambi di ritmo e spartito), così come l’impostazione tesa a dare intensità a tutto il lavoro (il singolo di lancio “I Am The Truth” ne è fulgido esempio): quello che manca, piuttosto e purtroppo, è un sostanziale spessore che dovrebbe invece, se non immediatamente, costruirsi in itinere e dare un senso fondato a tutta la composizione, con il rischio invece di far lasciare nel dimenticatoio quest’album con la stessa velocità con cui è stato positivamente accolto il richiamato primo “At Hope’s Ravine”.

Ad maiora

Tracklist
1. Image Of Man
2. I Am The Truth
3. House Of Hounds
4. Give Me Your Stillness
5. Belly Full Of Dread
6. Modern Tones
7. He, Spectral Electra
8. Anxiety
9. To The Cage You Go
10. Filth Or Passion
11. Television/Sweet
 
 

Any Other – Two, Geography

Terminata qualche anno fa l’esperienza nel duo Lovecats, Adele Nigro ha aperto nuove vie e si è concentrata su questo nuovo progetto, gli ...

We Were Promised Jetpacks – ...

Registrato tra il Minor Street di Philadelhia e il Long Pond nella Hudson Valley, New York, questo quarto album dei We Were Promised ...

Alien Boy – Sleeping Lessons

Se Alien Boy fosse un lungometraggio sicuramente Sonia Weber sarebbe la protagonista principale. Il film sarebbe ambientato nella città di ...

Basement Revolver – Heavy ...

Heavy Eyes è l’album di debutto della band canadese dei Basement Revolver, formata da Chrisy Hurn (voce e chitarra), Nimal ...

Paul Simon – In The Blue ...

Paul Simon fa senza dubbio parte della storia della musica, e non necessita di presentazioni poiché, chiunque si sia minimamente ...