LET’S EAT GRANDMA
I’m All Ears

[Transgressive – 2018]
7.5
 
Genere: Synth pop, electro pop
 
11 Luglio 2018
 

Let’s Eat Grandma il ritorno. Due anni dopo “I, Gemini” si fanno risentire Rosa Walton e Jenny Hollingworth, le due terribili ragazzine inglesi di Norwich che erano spuntate quasi dal nulla nel 2016 con un album d’esordio che prometteva bene. Sembravano vivere in un mondo tutto loro Rosa e Jenny, inquietanti come un horror giapponese ma capaci di creare canzoni incredibilmente orecchiabili. Ormai maggiorenni, per questo secondo disco si affidano a produttori rinomati come David Wrench, Faris Badwan (ex The Horrors) e la nuova stella del glitch pop americano SOPHIE. Sono cresciute Rosa e Jenny e si sente.

Più mature, più tradizionali nel modo di comporre e arrangiare ma senza perdere un grammo di quella stranezza che le aveva contraddistinte. Non giocano più così tanto su quella somiglianza fisica e vocale che le faceva sembrare (e a volte le fa sembrare tuttora) sorelle o quantomeno parenti ma cercano di andare oltre, accentuando le differenze. E se alcune parti di “I’m All Ears” ricordano le atmosfere di “I, Gemini” uno strumentale teso e nervoso come “Whitewater” e la cascata di sintetizzatori di “Falling Into Me” vanno in direzione diversa. Che Rosa & Jenny sapessero fare un po’ di tutto lo si era già intuito e in questo secondo album si divertono a esplorare territori più pop con “It’s Not Just Me” e “I Will Be Waiting” seguendo un po’ lo stesso percorso tracciato dalla ben più famosa Lorde, ma tirano fuori le unghie molto più spesso della popstar neozelandese (in “Hot Pink” ad esempio che cambia completamente senso appena si ascolta il testo).

Teatrali, gotiche e mai rassicuranti le Let’s Eat Grandma in realtà non vogliono somigliare a nessuno. E la personalità delle due ragazze terribili emerge soprattutto nella delicatezza piano e voce di “Ava”, negli arrangiamenti ritmati di “Snakes & Ladders” e nella splendida ossessione di “Cool & Collected” lunga ben nove psichedelici minuti, che racchiude un po’ tutto il complesso e variegato mondo musicale delle LEG (come “Donnie Darko” che di minuti ne dura undici con una parte centrale pronta per essere remixata). Allergiche alle mode e alle etichette, appassionate e divertenti, Rosa Walton e Jenny Hollingworth cambiano pelle e confermano di essere un duo da tenere d’occhio.
Diverse dalla massa e orgogliose di esserlo.

Tracklist
1. Whitewater
2. Hot Pink
3. It’s Not Just Me
4. Falling Into Me
5. Snakes & Ladders
6. Missed Call (1)
7. I Will Be Waiting
8. The Cat’s Pyjamas
9. Cool & Collected
10. Ava
11. Donnie Darko
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Tamino – Sahar

C’è qualcosa di diverso nel secondo album di Tamino e lo si capisce fin dalla foto in copertina: un ritratto in bianco e nero mentre ...

The Mars Volta – The Mars ...

Lo scioglimento all’inizio del 2013, l’effimera ma produttiva reunion con gli At The Drive-In tra il 2016 e il 2018 e, infine, il ...

The Beths – Expert In A Dying ...

Nonostante il loro sophomore “June Rope Gazers” fosse uscito solamente a luglio 2020, l’attesa per questo terzo LP dei Beths, ...

Marcus Mumford – ...

Generalmente quando il frontman di una band decide di intraprendere una carriera solista (mantenendo comunque quella originale) non è mai ...

Whitney – Spark

Mi sono approcciato al nuovo album dei Whitney (band di Chicago capitanata dai fondatori Max Kakacek e Julien Ehrlich) con ancora nelle ...

Recent Comments