MELODY’S ECHO CHAMBER
Bon Voyage

[ Fat Possum - 2018 ]
6
 
Genere: alt-folk-psych-pop
 
25 luglio 2018
 

Ci augura buon viaggio la cara Melody Prochet e, sinceramente, un giro con la nostra francesina ce lo faremmo volentieri un po’ tutti, deliziosa com’è, ma sui viaggi musicali, ecco, magari ci pensiamo un attimo.

L’esordio, che risale ormai a 6 anni fa, era incanalato sulle linee guida Tame Impala (produceva Kevin Parker, non a caso) + anni ’60 con un bel mood visionario, ora bene o male siamo sempre li, ma i pezzi si sono fatti più lunghi (ma per fortuna il disco è breve) e c’è una necessità quasi forzata di creare spesso dei collage musicali che, in alcuni tratti, si fanno più che forzati, anche perchè se speriamo che sia la voce della nostra a fare da collante, beh, stiamo freschi. Certo, qui dentro ci stanno 6 anni di spunti, idee, registrazioni e l’idea forse era proprio quella di condensare il tutto, ma certi pasticci come “Desert Horse” facciamo proprio fatica a sentirli.

Sta di fatto che tra Stereolab in versione dream-pop, folk, lounge, retrò, space-pop e Bacharach in salsa easy qui il campionario della nostra fanciulla è ben presente, ma occupa tutto il tavolo e pure in modo disordinato e a noi compratori, che dovremmo essere conquistati da chi ci presenta la merce, la cosa da un po’ fastidio.

Non tutto è da buttare, una “Breathe In, Breathe Out” potrebbe quasi uscire dalla penna di Martin Carr dei Boo Radleys, ma il resto è davvero non particolarmente memorabile.

 

 

Tracklist
1. Cross My Heart
2. Breathe In, Breathe Out
3. Desert Horse
4. Var Har Du Vart
5. Quand Les Larmes D’un Ange Font Danser La Neige
6. Visions Of Someone Special, On A Wall Of Reflections
7. Shirim


 
 

Sambassadeur – Survival

L’idea di pop che hanno i Sambassadeur è la nostra. C’è poco da fare. Una canzone semplice, in apparenza, che ti rinfranca ...

These New Puritans – Inside ...

I These New Puritans continuano la loro quieta ascesa in un inafferrabile empireo di art-rock lontano da ogni trend musicale. La band ormai ...

Idlewild – Interview Music

Tornano gli scozzesi Idlewild autentici pezzi da novanta di quello che nella seconda metà degli anni 90 venne etichettato come post ...

Apparat – LP5

Chiudete gli occhi, immaginatevi d’essere all’interno di una stanza vuota, con una sola finestra che mostra il mare e un ...

Priests – The Seduction of ...

Non sono stati tempi facili per la band di Whashington D.C. Quando tutto sembrava procedere per il meglio, con il loro debut “Nothing ...