WILDER MAKER
Zion

[ Northern Spy - 2018 ]
6
 
Genere: Alt-folk, Americana, Songwriting
 
di
25 luglio 2018
 

E’ una buona produzione quella della band di Brooklyn capitanata dal cantante, songwriter e polistrumentista Gabriel Birnbaum.

Uno spaccato sulla vita vissuta rasoterra, lontana dalle luci e dalla altezze della City, musicalmente variegato tra arpeggi e riff antalgici di chitarra elettrica, sfumature soul e folk e sonorità ora psych, ora distorte, ora quasi sedative; il tutto impreziosito dalla voce emozionale, brillante e melanconica di Katie Von Schleicher, che si erge a protagonista in pezzi dall’aria più pesante ed intensi come “Drunk Driver” o comprimari a in quelli più energetici come la “Closer To God” che apre il disco.

Un prodotto dalle gradazioni misurate e calde, che non rischierà di scottarvi. Alla ricerca di una “posto sicuro” come la Zion che dà il titolo all’album, dategli una possibilità in un momento di relax da notte d’estate.

Tracklist
1. Closer To God
2. Impossible Summer
3. Women Dancing Immortal
4. Drunk Driver
5. Gonna Get My Money
6. Multiplied
7. Cocaine Man
 
 

MONO – Nowhere Now Here

Voglio subito mettere in chiaro una cosa: credo che “Nowhere Now Here” sia un buon disco. Ha tutte le caratteristiche necessarie per ...

Jessica Pratt – Quiet Signs

Sono passati già quattro anni dal suo secondo LP, “On Your Own Love Again”, ma questo weekend Jessica Pratt ritorna finalmente con ...

Said The Whale – Cascadia

“Cascadia”, il sesto album dei Said The Whale uscito a febbraio per Arts & Crafts, è un disco facile e puro. Facile nel ...

Bob Mould – Sunshine Rock

“Sunshine Rock” è uno splendido modo per celebrare il decennio più impegnativo della mia carriera” ha detto Bob Mould presentando il ...

Wilderness – I’m Not ...

E se la next big thing dell’indie rock venisse dalla provincia di Frosinone? Nel momento in cui scrivo i Wilderness contano appena ...