MAGNUS CARLSON
A Nordic Soul

[ AMiGO - 2018 ]
8
 
Genere: Motown, Northern Soul
 
27 luglio 2018
 

Magnus Carlson, classe 1968, ha già una lunga discografia nella sua nativa Svezia e una serie di collaborazioni che rendono il suo curriculum inattaccabile. Il suo primo album targato UK è un tuffo graditissimo e curatissimo in quel mondo ‘Northern Soul’ che negli anni ’60 trovò terreno fertile proprio nel Regno Unito.

Tutte le volte che vado a fare un giro a Londra (con il compagno di avventure Claudio) le mie tappe classiche sono sempre Modfather Clothing a Camden Town e Lambretta Clothing a Carnaby St; ecco andando in questi negozi la musica che mi aspetto di sentire sarebbe decisamente quella del pregevole lavoro di Magnus, che prende lo spirito e l’anima di quel sound ‘Northern Soul‘ ma lavora di fino con una produzione spaziale e una cura del dettaglio a dir poco minimale, rendendo il suono potente e accattivante anche per orecchie non ‘mod’. Non siamo quindi nel facile sentiero della nostalgia o del tributo, ma anzi, la scommessa è proprio quella di arrivare a chi magari di questa musica conosce poco o nulla o si fa spaventare da registrazioni anni ’60 e vuole comunque una resa sonora ottimale. Fiati che vanno alla grande, corettoni grandiosi, ritmi incalzanti (“From Now On” è proprio alta scuola, con i tamburi tribaleggianti e tutto il necessario per spingerti in pista a ballare!) e ballatone (“Flames” o “Eternal love”) che in alcuni casi si aprono anche a un livello superiore d’orchestrazione, commuovendoci fin dalla prima nota (“Broken Promise Land”, tra Elvis e Roy Orbison, vi costringerà a tenere un fazzoletto a portata di mano, ve lo giuro). I colpi da 10 e lode sono “Wait For Love To Grow”, magnificamente Style Council e “Now That It’s Over” a cui è praticamente impossibile resistere, i piedi vi si muoveranno da soli!

Onore a Magnus che realizza un prodotto perfetto, capace di conquistare, come dicevo sopra, sia chi quegli anni li ha vissuti sia le nuove leve, (non solo i Mods) che cercano suoni e produzioni accattivanti e ricche di brio.

Tracklist
1. From Now On
2. Now That It's Over (feat Fay Hallam)
3. Beggin'
4. Keep On Dreaming
5. What If
6. The Long Way Home
7. Wait For Love To Grow (feat Weeping Willows)
8. The Torch
9. Flames
10. I Surrender
11. My Love Is Not Blind (feat Weeping Willows)
12. Broken Promise Land
13. The Ties That Bind Us
14. Eternal Love
 
 

MONO – Nowhere Now Here

Voglio subito mettere in chiaro una cosa: credo che “Nowhere Now Here” sia un buon disco. Ha tutte le caratteristiche necessarie per ...

Jessica Pratt – Quiet Signs

Sono passati già quattro anni dal suo secondo LP, “On Your Own Love Again”, ma questo weekend Jessica Pratt ritorna finalmente con ...

Said The Whale – Cascadia

“Cascadia”, il sesto album dei Said The Whale uscito a febbraio per Arts & Crafts, è un disco facile e puro. Facile nel ...

Bob Mould – Sunshine Rock

“Sunshine Rock” è uno splendido modo per celebrare il decennio più impegnativo della mia carriera” ha detto Bob Mould presentando il ...

Wilderness – I’m Not ...

E se la next big thing dell’indie rock venisse dalla provincia di Frosinone? Nel momento in cui scrivo i Wilderness contano appena ...