ROSARIE
Crystal Eyes

[ Rosaire Music - 2018 ]
7
 
Genere: psychedelic rock
Tags:
 
27 luglio 2018
 

I Rosaire nascono nel 2013, un anno dopo pubblicano un EP ( “Four mysteries” ), un altro paio di canzoni nel 2016 (“Samsara”) e finalmente escono con l’album d’esordio, “Crystal Eyes” nel maggio di quest’anno.
10 canzoni registrate e mixate in dieci giorni presso il Kervax Studio nell’ Agosto 2017 e prodotte da Christophe Chavanon.
Cantano in inglese ma i quattro provengono da Saint Brieuc, grosso comune della Bretagna nel Nord Ovest della Francia.
Louis Hamon (Voce, chitarre, Synth), Simon Denoual (Chitarre, Synth, Mellotron), Guirec Feuvrier (basso, chitarra acustica ) e Lucas Abgrall ( batteria e percussioni ) sono i componenti di questa giovane band.
La loro è una psichedelia con chiare influenze anni sessanta, non aspettiamoci nulla di rivoluzionario, ma il loro album scorre amabilmente, canzoni ben congeniate ed anche ben interpretate.
L’album si apre (manco a dirlo) con il brano “Opening” che con le sue atmosfere orientali fa l’occhiolino ai Kula Shaker di Crispian Mills. Il seguito è una serie di brani dove le chitarre recitano la parte protagonista ma anche gli effetti sono ben pensati.
“A Gate to Heaven” è un buon esempio di ricercatezza dove la band si abbandona ad una più lenta e melodica dinamica alternandosi a pezzi più ricchi d’energia come “Ecstasy” e “Pretty Girls” o pezzi come “To The Temple” ammaliante ed ipnotica.

Una particolare e doverosa menzione va fatta agli Kerwax Studio dove l’album è stato prodotto.
È situato a Loguivy-Plougras, piccolo centro poco lontano da Saint Brieuc. I locali sono stati ricavati da un vecchio edificio d’inizio 900 addibito a scuola e poi abbandonato nel 2007. Christophe Chavanon e sua moglie Marie Kernéüs, già produttori, notarono l’edificio durante una vacanza ed ebbero questa splendida idea: creare uno studio di registrazione lontano dalla grande città dove i musicisti, potendo restare per molti giorni immersi nella campagna bretone, potessero concentrarsi sul lavoro e trovare la giusta ispirazione. Una delle particolarità dello studio è la strumentazione vintage: Chavanon ha speso molti anni della sua vita a recuperare materiale ed impianti per la registrazione prodotti negli anni ’40 fino agli anni ’70. In questo studio e con questa strumentazione i nostri Rosaire avranno sicuramente trovato l’ambiente perfetto e gli strumenti ideali per sviluppare le loro idee.
“Cristal Eyes” sarà sicuramente apprezzato dagli amanti della psichedelia dei primordi ma oltre ai nostalgici piacerà anche a chi cerca atmosfere particolari per lasciarsi un po’ andare.
A proposito, visto che di band francesi si sta parlando, un ascolto anche a gruppi come Matmatah, Last Train, Grand Blanc, The Club 1969 e Kavier Special non sarebbe tempo sprecato.

Tracklist
1. Opening
2. I Am Alone
3. Sunday Night
4. No More
5. Mimi
6. A Gate to Heaven
7. Ecstasy
8. To the Temple
9. Pretty Girl
10.Ending
 
 

Marika Hackman – Any Human ...

Sono passati poco più di due anni dall’uscita del suo sophomore “I’m Not Your Man” e Marika Hackman è ritornata questo weekend con ...

Olden Yolk – Living Theatre

Il loro omonimo primo LP era arrivato solamente nel febbraio dello scorso anno, ma gli Olden Yolk gli hanno già dato un seguito, realizzato ...

Everything Hits at Once: The Best ...

Un best of è una tela intricata che può farti incazzare, oppure può diventare un universo immaginario e ideale in cui incontrarsi con i ...

Slaughter Beach, Dog – Safe ...

Slaughter Beach, Dog è il progetto di Jake Ewald dei Modern Baseball, ma per questo suo terzo LP, uscito nel weekend via Big Scary Monsters ...

Of Monsters and Men – Fever ...

Si può passare da un fragoroso entusiasmo – al punto da indicare questo disco tra le migliori uscite dell’anno – al dubbio che forse ...