TONY MOLINA
Kill The Lights

[ Slumberland - 2018 ]
8
 
Genere: acoustic-pop
 
1 Agosto 2018
 

E’ vero e proprio minimalismo in musica quello di Tony Molina, che in 15 minuti dispensa e condensa la sua poetica, fatta di brevi perle acustiche che lambiscono tanto i territori di Teenage Fanclub, George Harrison e Brian Wilson quanto un folk-rock scarno e struggente.

Non è mai stato prolisso Tony nella sua produzione solista (ricordiamo che con Molina abbiamo a che fare con un vero e proprio veterano della scena hardcore della Bay Area), anzi, il nostro ha sempre prediletto canzoni brevissimi e dirette, immediate anche nella loro veste più sonica (l’album “Dissed And Dismissed”, ad esempio) e non così acustica come accade adesso per questa nuova uscita “Kill The Lights”. A Tony Molina basta poco per farci arrivare il suo messaggio (che non è mai particolarmente felice, ma ha toni piuttosto cupi e tristi) e di questo dobbiamo essere consapevoli e dedicargli fin da subito la massima attenzione.

Qualcuno potrà obiettare che i brani sembrano per lo più bozzetti, che sarebbe bastato un minutaggio superiore (la media è intorno al minuto e qualche secondo) per avere dei brani corposi e realmente avvincenti, ma sbaglierebbe, perché in realtà quello che ci serve è già tutto li: la realtà è che forse siamo noi troppo abituati a certe ridondanze e ripetizioni e un prodotto così asciutto ci sembra carente. Sembra. Prendete “Jasper’s Theme”, che pare uscire dalla pena dorata di Norman Blake o il gioiello tutto Byrds e George Harrison di “Nothing I Can Say”: ma cosa vuoi dire di fronte a simili diamanti musicali? Gemme pop vere e proprie, che s’incrociano con le bucoliche raffigurazioni di “When She Leaves” e di “Before You Go” o gli echi da folk d’autore (Simon & Garfunkel?) di “Wrong Town” (pelle d’oca). E non crediate che manchino gli arrangiamenti: certo la chitarra è lo strumento principale, ma quando entra il piano in “Afraid To Go Outside”, beh, il risultato non cambia affatto.

Lavora di fino Tony Molina, sfronda gli esuberi e ha una cura assoluta e certosina nel modellare il suo sound, curandolo e rendendolo così chiaro, limpido e senza filtri che non può non colpirci. Bravissimo.

Tracklist
1. Nothing I Can Say
2. Wrong Town
3. Afraid To Go Outside
4. Now That She's Gone
5. Jasper's Theme
6. Give He Take You
7. When She Leaves
8. Look Inside Your Mind/Losin' Touch
9. Before You Go
10. Outro
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Pastel – Isaiah EP

Dopo il fortunato esordio sulla corta gittata con “Deeper Than Holy” (curiosità, il vinile su eBay era arrivato a costare anche ...

A Grave With No Name – Pink ...

Avevamo lasciato il buon Alex Shields nel 2018 dopo la pubblicazione di “Passover” poi è arrivato l’annuncio di una pausa del ...

Phomea – Me And My Army

E’ un mondo al confine tra analogico e digitale quello creato da Fabio Pocci, in arte Phomea, un progetto solista che si muove tra folk ed ...

Neil Young – World Record

Inizia ad affiorare in me una certa stanchezza nel recensire un nuovo album in studio di Neil Young, la stessa stanchezza che pare ...

Gilla Band – Most Normal

Terzo album per i Gilla Band, la band di Dublino che negli anni si è guadagnata una più che discreta reputazione nel panorama noise non ...

Recent Comments