LONG NECK
Will This Do?

[ Tiny Engines - 2018 ]
7.5
 
Genere: indie-rock,indie-folk
 
8 agosto 2018
 

Iniziati come il progetto di Lily Mastrodimos (Jawbreaker Reunion), negli ultimi anni i Long Neck si sono allargati, diventando una band vera e propria: questo “Will This Do?” è il secondo album per il gruppo del New Jersey, che arriva a distanza di due anni e mezzo dal debutto, “Heights”, anche se, nel mezzo, sono stati realizzati alcuni EP e singoli.

Interamente scritto dalla Mastrodimos, questo nuovo LP è stato registrato tra il Salvation Recording Co. di New Paltz, New York insieme a Chris Daly e il Nathouse Recording Studio di Hooboken, New Jersey con Tom Beaujour, che si è anche occupato del mixing.

I temi delle sue canzoni parlano del suo recente momento non particolarmente positivo e raccontano di fine di relazioni sentimentali e perdita e lontananza di persone care, mentre il sound, come accennavamo prima, si è espanso verso nuovi territori indie-rock più dinamici, grazie appunto all’aiuto del nuovo personale che ora accompagna Lily in questa sua avventura.

Il singolo “Mine / Yours”, che apre il disco in maniera pulita e sincera, ci porta proprio verso energiche sonorità indie-rock, con un drumming importante e fresche chitarre, su cui si appoggiano i vocals ricchi di passione della Mastrodimos.

“Matriarch”, invece, è un pezzo folk pieno di nostalgia e di emozioni, dove la chitarra acustica e il piano sono protagonisti, mentre la brevissima “Love Letters”, con il suo spirito indie-punk, ci regala momenti dolci insieme a gradevoli melodie.

“Milky Way” ha un suono deciso, intenso, pieno, ma, sebbene l’atmosfera sia piuttosto cupa e i temi delicati, ha un coro finale imponente che, in un certo senso, riesce a cambiare l’umore del pezzo.

Con “Will This Do?” ci troviamo davanti a un’evoluzione, assolutamente prevista dall’aggiunta di nuovi componenti al progetto, ma che non fa perdere a Lily la sua tradizionale sincerità: un lavoro che la vede prendere più direzioni e progredire, senza però dimenticare di regalare forti emozioni ai suoi fan.

Tracklist
1. Mine/Yours
2. Elizabeth
3. Matriarch
4. Lichen
5. Rosy
6. Love Letters
7. Ashes
8. Hive Collapse
9. Milky Way
10. 10,000 Year Old Woman
 
 

James – Living in ...

Tornano i James, band inglese emersa in pieno periodo Madchester (scena musicale dalla quale gli stessi hanno comunque storicamente cercato ...

Miles Kane – Coup de Grace

Miles Kane è sicuramente uno dei più influenti alfieri della scena mod-revival degli anni 2000 (e non a caso testimonial per Fred Perry), ...

The Beths – Future Me Hates ...

Lo so, ci sono alcune cose che potrebbero suonare scontate parlando dei cari The Beths, neo zelandesi di Auckland. La prima è che di loro ...

The Vryll Society – Course Of ...

Popedelici di tutto il mondo unitevi sotto la bandiera dei The Vryll Society. Il gruppo di Liverpool arriva finalmente all’album ...

Radiodervish – Il Sangre E Il ...

Come già successo in occasione del precedente “Cafè Jerusalem”, uscito nel 2015, anche stavolta i Radiodervish, storico sodalizio ...