GULP
All Good Wishes

[ E.L.K. Records - 2018 ]
7
 
Genere: kraut-pop-psycho
Tags:
 
10 agosto 2018
 

Sempre suggestiva la proposta del trio Guto Pryce, Lindsey Leven e del chitarrista Gid Goundrey, che tornano a solcare i cieli più popedelici anche in questo secondo episodio della saga dei Gulp, che nel frattempo si sono spostati (parliamo della coppia Guto e Lindsey) in Scozia e questo album è una specie di omaggio a questo trasloco, a detta dei protagonisti stessi.

Sta di fatto che, rispetto all’esordio del 2014, forse viene un po’ meno l’aspetto folk, ma rimane inalterata la capacità visionaria della band, capace di oscillare con gran gusto tra gli anni ’60 e ’70, mentre forti iniezioni di Stereolab e Broadcast permeano l’ambiente. Musica che davvero può testimoniare un percorso, un viaggio e poi un arrivo: musica per il movimento ma anche per fermarsi e ammirare l’orizzonte che ci pare non avere fine (“Beam”, richiama quasi la magia di Alison Goldfrapp). Synth dal sapore retrò, piacevoli melodie pop (“Claudia”), ambientazioni dal gusto ritmico motorik, sensazioni più in slow-motion (“Following Rain”) e i nostri sensi che si lasciano andare, ma, oltre a tutto questo, anche le mura di una piccola discoteca in cui farsi prendere da un groove semplice eppure irresistibile, nel suo sapore anni ’70 (“Morning Velvet Sky”).

Un piacevole lavoro che non deluderà chi cerca una lieve punta di sperimentazione su trame pop.

Tracklist
1. Search For Your Love
2. Claudia
3. Spend Time Right Here With You
4. I Dream Of Your Song
5. Beam
6. All Good Wishes
7. Morning Velvet Sky
8. Following Rain
9. Ride
10. Watching Ships
11. Silver Tides
 
 

James – Living in ...

Tornano i James, band inglese emersa in pieno periodo Madchester (scena musicale dalla quale gli stessi hanno comunque storicamente cercato ...

Miles Kane – Coup de Grace

Miles Kane è sicuramente uno dei più influenti alfieri della scena mod-revival degli anni 2000 (e non a caso testimonial per Fred Perry), ...

The Beths – Future Me Hates ...

Lo so, ci sono alcune cose che potrebbero suonare scontate parlando dei cari The Beths, neo zelandesi di Auckland. La prima è che di loro ...

The Vryll Society – Course Of ...

Popedelici di tutto il mondo unitevi sotto la bandiera dei The Vryll Society. Il gruppo di Liverpool arriva finalmente all’album ...

Radiodervish – Il Sangre E Il ...

Come già successo in occasione del precedente “Cafè Jerusalem”, uscito nel 2015, anche stavolta i Radiodervish, storico sodalizio ...