THE BETHS
Future Me Hates Me

[ Carpark Records - 2018 ]
8
 
Genere: power-pop
 
13 Agosto 2018
 

Lo so, ci sono alcune cose che potrebbero suonare scontate parlando dei cari The Beths, neo zelandesi di Auckland. La prima è che di loro avevamo già parlato nella nostra rubrica ‘Brand New’, perché da queste parti non ci facciamo trovare impreparati sulle cose migliori tra gli emergenti, quindi il consiglio è , ora e sempre, di tenere d’occhio le nostre segnalazioni, per conoscere, già oggi, i futuri gruppi osannati domani. E questa è una cosa.

La seconda, ancora più scontata è che chi mi conosce potrà trovare il voto decisamente ovvio: è vero, lo ammetto, power pop + voce femminile è meritevole di voti alti per il sottoscritto. Chiamatelo limite, chiamatela devozione, chiamatela schiavitù, fate un po’ voi, certo che quando le chitarre viaggiano alla grande, le melodie si rincorrono e una voce di fanciulla declama i testi (tutt’altro che allegri, sappiatelo, con la stessa Elizabeth Stokes afferma There’s a lot of sad sincerity in the lyrics”), beh, io perdo la testa.

Fatte queste dovute premesse posso già chiudere, perché in realtà quanto c’era da dire sui Beth lo abbiamo già detto su Brand New e la loro assoluta bravura è stata quella di non perdere il filo del discorso nel passaggio dalla breve distanza all’album completo. Poteva essere una scommessa non facile e invece è stata vinta con tranquillità assoluta, perché qui ogni brano è un potenziale singolo, poco da fare!

Chitarre travolgenti anni ’90, un mix clamoroso tra Fountains of Wayne e un indie-rock al femminile che potremmo rimandare a gente come Veruca Salt, un power-pop che sa essere tanto spigliato quanto energicamente quasi al confine con il pop-punk, una voce tanto sensibile e sfacciata nello stesso tempo che sa essere modulata in modo delizioso e iper melodico…vi basta? Siete ancora qui che leggete? Mollate tutto e andate di corsa ad ascoltare questa prelibatezza! Buon godimento!

 

 

Tracklist
1. Great No One
2. Future Me Hates Me
3. Uptown Girl
4. You Wouldn't Like Me
5. Not Running
6. Little Death
7. Happy Unhappy
8. River Run: Lvl 1
9. Whatever
10. Less Than Thou
 
 

Nadine Shah – Kitchen Sink

Tre anni dopo “Holiday Destination” torna Nadine Shah con un disco conturbante, diverso da quanto fatto in passato anche se non certo ...

Pottery – Welcome To ...

Ci fanno assaggiare il loro valore i Pottery che questo weekend hanno pubblicato il loro debutto full-length, in arrivo a distanza di un ...

Cristiano Godano – Mi Ero ...

Alcuni suoni, alcune immagini, alcuni volti, alcune sensazioni, prendono vita dentro di noi, in maniera spontanea, quasi a voler evidenziare ...

Edda e Marok – Noio; volevam ...

Due mostri sacri della scena alternativa italiana, Edda e Gianni Maroccolo, hanno pensato bene durante la fase della quarantena, quando ...

bdrmm – Bedroom

Facile salire adesso sul carro dei vincitori. Facile osannare questi ragazzi stanziati in zona Hull/Leeds e definirli “nuovi eroi ...