THE VRYLL SOCIETY
Course Of The Satellite

[ Deltasonic - 2018 ]
7.5
 
Genere: pop-psichedelia
 
13 agosto 2018
 

Popedelici di tutto il mondo unitevi sotto la bandiera dei The Vryll Society. Il gruppo di Liverpool arriva finalmente all’album d’esordio e conferma l’otimo climax ascendente che ha caratterizzato le composizioni della band fin dal loro esordio.

Con “Course Of The Satellite” parliamo di un disco che conferma la splendida propensione dei ragazzi per quello che potremmo definire psych-pop, con una padronanza della materia assoluta e un piglio da veri e propri veterani. Non c’è fretta nel sound dei Vryll Society, le composizioni ci crescono attorno, spesso in modo circolare e ipnotico, lavorando benissimo sull’aspetto ritmico, per poi trovare l’apertura chitarristica che sfocia anche nell’assolo. Immaginate una jam session tra i Tame Impala e John Squire (chitarrista degli Stone Roses), ecco, questo potrebbe essere un ottimo punto di partenza per entrare nel mood aperto e visionario di questo disco.

Dalla popedelia avvolgente della canzone che da il titolo dell’album, posta in apertura proprio come porta maestra da cui passare per lasciare che i nostri sensi siano completamente inebriati, al ritmo che si fa più incalzante in “Shadow OF A Wave” alla magia classicamente Verve di un pezzo spaziale e suggestivo come “Andrei Rublev“, al disco non manca niente per essere già un classico del genere. Se volete testare la versatilità della band, beh, provate ad assaggiare “Inner Life”, dalle trame quasi funk e ballabili che sposano comunque la popedelia.

Le aspettative, alte, sono state tutte mantenute e confermate! Ottimo lavoro!

Tracklist
1. Course Of The Satellite
2. A Perfect Rhythm
3. Andrei Rublev
4. Glows And Spheres
5. Tears We Cry
6. When The Air Is Hot
7. The Light At The Edge
8. Shadow Of A Wave
9. Soft Glue
10. Inner Life
11. Give In To Me
 
 

Charles Bradley – Black ...

Triste pensare che la Daptone, etichetta responsabile di un bel revival soul funk nel nuovo millennio, abbia dovuto salutare negli anni ...

Anderson .Paak – Oxnard

Una produzione di lusso, collaborazioni stellari e un talento non da meno. Ecco i tre ingredienti fondamentali di Oxnard, il nuovo album di ...

Boygenius – Boygenius EP

Le Boygenius, spaccano e lo dimostrano con il primo Ep omonimo appena uscito. Un supergruppo vibrante giovane e cazzuto,  formatosi per ...

Maiole – Cose Pese

Dopo aver sposato, in un certo senso, una causa ben preicsa in “Music for Europe”, Marco Maiole è tornato a distanza di pochissimo ...

Bad Moves – Tell No One

I Bad Moves sono un quartetto di Washington DC, ragazzi uniti da una vera amicizia e tanta passione per la musica. Ce ne sono migliaia di ...