HOVVDY
Cranberry

[ Double Double Whammy - 2018 ]
7.5
 
Genere: bedroom-pop,indie-rock,lo-fi
 
17 agosto 2018
 

Gli Hovvdy sono un duo di stanza ad Austin, Texas composto da Charlie Martin e Will Taylor: i due musicisti statunitensi, entrambi originariamente batteristi, si sono incontrati nell’inverno del 2014 grazie alla comune passione per la musica tranquilla: dopo poche settimane è arrivato il loro primo EP, registrato nelle loro case, e nel 2016, invece, è uscito il loro primo full-lenght, “Taster”, ripubblicato lo scorso anno dalla Double Double Whammy.

A febbraio, sempre per la nota indie-label di Brooklyn, è arrivato anche questo sophomore: il viaggio in queste dodici canzoni ci porta a esplorare sentimenti ed emozioni, a cui oggi – ahimé – spesso il mondo non dà la giusta considerazione.

Il loro indie-rock dall’attitudine lo-fi mette un incredibile tranquillità addosso a chi ascolta: in “Cranberry” non c’è mai la voglia di spingere l’acceleratore, ma si lascia, invece, che siano i ritmi bassi a guidarci in questa mezz’ora abbondante in compagnia degli Hovvdy.

Per esempio il recente singolo, “Petal”, probabilmente il brano che ci ha fatto innamorare del duo di stanza in Texas, è ricco di nostalgia e di sincerità e, seppur semplice, sa come mettere in primo piano i sentimenti più veri e puri.

Se “Swing” chiude questo lavoro con un’atmosfera che sembra comunque più positiva rispetto a quella delle altre canzoni di “Cranberry”, è altrettanto vero che sul disco troviamo tantissime tinte piuttosto scure e malinconiche, come la stessa title-track, che è capace, però, di donare a chi ascolta una sensazione rassicurante.

I due ex batteristi texani non sconfineranno in nuovi territori con questo nuovo album, anche se qui il loro sound ha maggiore consistenza e un numero di strati più elevato rispetto al passato, ma, come dicevamo poco sopra, lasciano che la semplicità diventi una forza importante nell’economia di “Cranberry”: noi ci dobbiamo limitare ad ascoltare e godere delle meravigliose sensazioni pacifiche e dei sentimenti delicati che gli Hovvdy ci sanno regalare per ritrovare, almeno per questa mezz’ora, una pace magari inaspettata, ma assai gradita.

Tracklist
1. Brave
2. In The Sun
3. Thru
4. Petal
5. Cranberry
6. Late
7. Tub
8. Float
9. Truck
10. Quitter
11. Colorful
12. Swing
 
 

Wand – Laughing Matter

Sapete, io, gli Wand, li ho conosciuti grazie al mio chitarrista, senza di lui non avrei mai ascoltato “1000 Days”, uno dei miei ...

Danko Jones – A Rock Supreme

Il tempo e la maturità non hanno scalfito l’anima del vulcanico Danko Jones. Il cantante e chitarrista canadese ha trascorso gli ultimi ...

Yaguar – Vision

Si intitola “Vision” l’album di debutto degli Yaguar, un quartetto nato appena tre anni fa dall’incontro di due cantanti e ...

Artmagic – I Won’t ...

Eccoli ancora, ad un anno da “The Song of The Other England”, Richard Oakes e Sean McGhee fare capolino con questo EP, ...

Versing – 10000

Piacevolissimo questo “10000” dei Versing di Seattle. Il leader della band, il buon Daniel Salas è uno di quelli che ci sta ...