I PRIMAL SCREAM ANNUNCIANO L’USCITA DI “GIVE OUT BUT DON’T GIVE UP: THE ORIGINAL MEMPHIS RECORDINGS”

 
20 agosto 2018
 

Recentemente, nel seminterrato della casa di Andrew Innes, sono stati trovati dei nastri decisamente interessanti che i Primal Scream pubblicheranno al più presto. Stiamo parlando delle registrazioni originali, fatte in studio a Memphis, dei brani che sono diventati poi (molto rimaneggiati rispetto a quella forma) il ​​loro album del 1994 “Give Out But Don’t Give Up”. L’uscita è attesa per il 12 ottobre e l’album si chiamerà “Give Out But Don’t Give Up: The Original Memphis Recordings”.

Collaborando con il leggendario produttore Tom Dowd e la sezione ritmica ‘Muscle Shoals’ di David Hood (basso) e Roger Hawkins (batteria) presso gli Ardent Studios di Memphis, le registrazioni risultanti da quelle session classiche mettono in mostra l’anima più country e il lato rock’n’roll della band che si mescolava a blues e gospel.

Sentivo che siamo andati laggiù con un sacco di buone intenzioni, ma in qualche modo, in seguito, ci eravamo persi“, ammette Bobby Gillespie. C’è sicuramente una lezione da imparare su come la creatività può andare su una strada sbagliata. Siamo una band che continua a muoversi in avanti e non guarda indietro, ma per anni mi sono sentito male per noi, che andavamo a Memphis, e non facevamo quello che ci eravamo prefissati. Ascoltare queste canzoni, dopo tutto questo tempo, mi ha fatto di nuovo sentire bene. Mi sento redento.

Dopo il loro album storico “Screamadelica” (1991), ormai ampiamente considerato uno dei più grandi album di tutti i tempi, i Primal Scream si trasferirono a Memphis nel 1993 per registrare quello che sarebbe diventato “Give Out But Don’t Give Up”.

Una volta che il boss della Creation Records, Alan McGee, ascoltò le registrazioni, furono un po’ tutti confusi e delusi. Il produttore George Drakoulias prese in mano quelle registrazioni, rimaneggiandole e lavorandoci sopra fino a quando non sono rimasti con quello che è diventato “Give Out But Don‘t Give Up”. Ma ora, le registrazioni originarie trovano nuova vita.

Ecco la tracklist dell’uscita:

CD1 – TOM DOWD ALBUM MIX
1. Jailbird
2. Rocks
3. Call on Me
4. Everybody Needs Somebody
5. Sad and Blue
6. Big Jet Plane
7. Free
8. Jesus
9. (I’m Gonna) Cry Myself Blind

CD2 – ARDENT OUTAKES

1. Billy / To Love Somebody
2. Memphis Groove (Improvised Song Jam)
3. Sad And Blue (Early Rehearsal Jam)
4. Blue Moon Of Kentucky / Trying To Get To You
5. Big Jet Plane (Early Rehearsal Jam / Tom Dowd Instructions)
6. Free (Bobby Vocal / Full Band Rehearsal Jam)
7. Everybody Needs Somebody (Alternative Recording)
8. Country Guitar
9. Jailbird Guitar
10. Jesus (Monitor Mix )
11. Funky Jam (Original Recording)
12. Free (Early Rehearsal Sitar /Piano / Bobby Vocal)
13. Call On Me (Monitor Mix)
14. Cry Myself Blind (Monitor Mix)
15. All I Have To Do Is Dream

 

Guarda il video di “Ghost ...

Come vi abbiamo già annunciato il mese scorso, gli XXL, il progetto collaborativo tra gli Xiu Xiu e gli italiani Larsen, pubblicheranno il ...

Quattro date italiane per i Thirty ...

Dopo aver pubblicato lo scorso aprile, via Interscope Records, il loro quinto album, “America” (leggi la nostra recensione), i ...

Nuovo album per Andy Burrows in ...

A distanza di quasi cinque anni dal suo precedente LP, “Fall Together Again”, Andy Burrows pubblicherà il prossimo 1° ...

Sono già 3 i brani che anticipano ...

E’ atteso per il 25 gennaio il nuovo album dei Deep Cut, la formazione che vede alla chitarra Mat Flint, eroe già nei Death In Vegas ...

I Pale Waves si cimentano nella ...

Difficile trovare una band che, ultimamente faccia più dalli della grandine come i Pale Waves. Già il loro esordio si è dimostrato di ...