THE CORAL
Move Through The Dawn

[ Igntion Records - 2018 ]
7
 
Genere: Indie Folk, Indie Pop
Tags:
 
di
20 Agosto 2018
 

James Skelly e compagnia (tra cui, ricordiamolo, il fratello Ian alla batteria) tornano due anni dopo “Distance Inbetween”. Anche i The Coral, come molte altre band emerse alle luci della ribalta nei primi 2000, sembravano esseri un po’ persi tra silenzi, tentativi di sperimentare, di reinventarsi, di battere nuovi percorsi sonori; questo “Move Through The Dawn” sembra invece essere un chiaro messaggio, una decisione ferma di tornare a fare quello che sanno fare meglio e che li hanno fatti apprezzare in tutto il mondo.

Eccoli quindi costruire, con spontaneità e naturalezza, pezzi e ballate dalla struttura pop e dalle venature folk e country con chitarre aperte, arpeggi, riff ed assoli intelligenti, linee di basso semplici ed essenziali, tastiere e percussioni mai invadenti, e senza particolari orpelli o bramosia di strafare, con l’estemporaneo accompagnamento di drum machine (nel singolone super funky-pop “Sweet Release”) o di archi (“Strangers in The Hollow).

Ed un gusto retrò che ti resta nel palato dalle prime luminose “Eyes Like Pearls” e “Reaching Out for a Friend” fino alla più rarefatta e prog “Stormbreaker” o gli arpeggi della delicata “After The Fair”.

Le cose che vengono genuine, schiette, solari e sincere, sono quelle che solitamente ti prendono in automatico: prendiamo quindi a nostra volta questo ottimo “Move Through the Dawn” e godiamocelo per quello che è, ovvero un regalo bello e gradito da parte di questi bravi ragazzoni.

 

 

Tracklist
1. Eyes Like Pearls
2. Reaching Out For A Friend
3. Sweet Release
4. She’s A Runaway
5. Strangers In The Hollow
6. Love Or Solution
7. Eyes Of The Moon
8. Undercover Of The Night
9. Outside My Window
10. Stormbreaker
11. After The Fair
 
 

Suzanne Vega – An Evening Of ...

Chi in questi mesi ha dovuto rinunciare a un bel viaggio (magari oltreoceano) può consolarsi con questo delizioso disco dal vivo di Suzanne ...

I Like Trains – Kompromat

La parola Kompromat, si legge su Wikipedia, viene dal russo che significa”materiali compromettenti” ed è usato per indicare ...

The Slow Painters – The Slow ...

Quella dei norvegesi The Slow Painters è una delle scoperte epifaniche che danno un senso alla continua ricerca di nuovi nomi ...

The Flaming Lips – American ...

Torno a scrivere di musica dopo un po’ di tempo, dato che da un paio d’anni a questa parte sono stato trasferito dal sommo Riccardo ...

King Buzzo with Trevor Dunn – ...

King Buzzo si prende una piccola pausa dal sound ruvido cui ci ha abituato in quasi quattro decenni di attività e, a sei anni di distanza ...