OGGI “HIGHWAY 61 REVISITED” DI BOB DYLAN COMPIE 53 ANNI

 
di
30 agosto 2018
 

Pochi lo sanno, eppure una delle canzoni più celebri della storia della musica contemporanea, “Like a Rolling Stone”, non era che lo stralcio che il futuro Premio Nobel per la Letteratura Bob Dylan aveva estrapolato dal libro che stava scrivendo giusto alla metà degli anni Sessanta.

Destino bizzarro, talvolta, quello delle canzoni epocali, ma senza dubbio fortunato. Così come fortunata fu la storia di Highway 61 Revisited, l’album crocevia della trilogia elettrica di Dylan, iniziata con “Bringing It All Back Home” e conclusa da “Blonde on Blonde”. La Highway 61 parte dal Minnesota, lo Stato natale di Bob Dylan, e arriva fino alla foce del Mississippi, tagliando in due l’America da nord a sud. È di fatto la strada del blues, così come la immagina il menestrello di Duluth, e a lui – ancora giovanissimo – spetta il compito di riscrivere la storia. Anzi, di rivisitarla.

Sono gli anni della svolta elettrica, appunto. L’esibizione al Festival di Newport è avvenuta da poche settimane e l’eco di quel discusso concerto accompagnato dalla band è ancora vivissima. Niente comunque in confronto all’eredità che Highway 61 Revisited lascerà ai contemporanei e ai posteri: la svolta dylaniana dal cantautorato folk alla nuova impronta rock devia per sempre il corso della musica tutta. Il disco usciva il 30 agosto del 1965, e in occasione di tale anniversario il team di creativi di Stampaprint Srl, azienda leader nella stampa di biglietti da visita, ha realizzato un’immagine che riassume tutta una serie di informazioni legate all’album. Un ottimo modo per ripassare un capitolo cruciale nella storia del rock.

Clicca sull’immagine sotto per vederla a grandezza naturale:

Highway 61 Revisited

Highway 61 Revisited

 

5 dischi da isola deserta per The ...

Omaggiare i favolosi ’50 e ’60 e l’epoca beat non è un’operazione nostalgica che guarda esclusivamente al passato, ma un modo per ...

18 maggio 1980: Ian Curtis, i Joy ...

I Joy Division, nonostante la loro breve esistenza come band, sono un riferimento musicale fondamentale, soprattutto per il movimento dark e ...

Oggi “Play” di Moby ...

“Play”, il più grande successo di Richard Melville Hall, in arte Moby, compie 20 anni eppure, oggi come allora, sembra un disco senza ...

Oggi “You Are the Quarry” di ...

“You are the Quarry”  uscì dopo sette lunghissimi anni, facendo sospirare i tanti fan sparsi per il mondo, ma l’attesa ...

Oggi “Grande Rock” dei ...

Seguivo Nicke Royale fin dagli Entombed (quando era ancora Nicke Andersson), figurarsi se non non abbracciavo con amore anche la sua ...