A PLACE TO BURY STRANGERS
Live @ Magnolia (Segrate, MI, 6/09/2018)

 
8 settembre 2018
 

Serata settembrina un po’ infausta, anche se a dirla tutta oggi c’erano 30 gradi, ma i nuvoloni fantozziani hanno deciso di accogliere gli A Place To Bury Strangers in questa seconda tappa del tour in Italia. Dopo Siena di ieri oggi tocca al circolo arci Magnolia a Segrate. Inutile dire che la location è sempre fighissima in qualsiasi sua salsa ed è un punto di riferimento, da anni, per i live. Ci si viene sempre molto volentieri. Stasera per l’occasione è stato allestito il palco B estivo ‘under the rain’, appunto.

In leggero ritardo rispetto al timing iniziale incomincia la band spalla i Numb.er from L.A., giovani, cazzutissimi suonano un post punk tirato e senza fronzoli, sguardo basso e energia a fiumi, una bella sorpresa. Il pubblico apprezza e anche la pioggia ha praticamente smesso di scendere.

Dopo una mezz’ora abbondante cominciano gli A Place To Bury Strangers e lo fanno con una botta pazzesca: fiumi di distorsioni apocalittiche e fiumi di effettistica artigianale powered by Death by Audio, chitarre lanciate a tre metri d’altezza, maltrattate e prese a pugni, shoegaze, My Bloody Valentine, Nirvana, Dinosaur Jr., o, mi viene da dire, semplicemente: A Place To Bury Strangers.

Dopo tonnellate di noise e la stupenda “Situations Changes” (dall’ultimo “Pinned”) quasi un brano pop, arriva anche un momento acustico con la bravissima batterista (da un paio d’anni con la band di Oliver Ackermann) che imbraccia un’arpa (almeno sembrava tale), nel mentre i due si trasferiscono tra il pubblico e subito dopo il brano arpa e voce, partono con un suite elettro noise assurda, lei li raggiunge. Uno show nello show. Tornano poi on stage per ancora una manciata di brani e chiudono rigorosamente senza bis (il sottoscritto apprezza) un live pazzesco davvero.

Ho aspettato qualche giorno prima di scriverne, per far raffreddare facili entusiasmi post concerto, in realtà non credo mi sia mai capitato di incrociare una performance così assurda, quando in gergo si dice animali da palco, ecco bisogna almeno moltiplicare per mille. Ripeto: pazzeschi!

 

Giorgio Canali & Rossofuoco ...

Giorgio Canali e i suoi Rossofuoco fanno tappa al Glue di Firenze: locale piccolo ma acustica più che buona, sold out, pubblico giovane ma ...

John Grant – Live @ Magazzini ...

50 anni suonati proprio qualche mese fa e una lunghissima carriera, prima, per più di un lustro, con i bravissimi e alquanto ...

Rolling Stone Weekender 2018 ...

  Forse in pochi sanno che all’estremo nord della Germania, affacciato sul Mar Baltico, prima della Barriera che divide dalle terre ...

Kurt Vile & The Violators ...

Non c’è da stupirsi se la data di Kurt Vile & The Violators del 28 ottobre alla Rock School Barbey a Bordeaux è andata sold out in ...

The Flaming Lips – Live @ ...

Dire che i Flaming Lips siano una delle band più importanti di sempre è cosa buona e giusta. In giro da tre lustri non hanno, di fatto, ...