SULLA MIA PELLE

 
 
di
15 settembre 2018
 

“Sulla mia pelle” di Alessio Cremonini non mostra il pestaggio di Stefano Cucchi ad opera delle forze dei carabinieri di Roma. Mostra quello che succede delle ore precedenti al pestaggio, fino al fatidico ingresso nella stanza degli interrogatori, e quello che succede nei giorni successivi, fino alla tragica morte di Stefano.
E’ proprio questa, per me, la scelta più interessante del film e la chiave di lettura più efficace per analizzarlo. Perché in quella stanza, a parte Stefano e i suoi carnefici, non c’era nessuno. Ma cosa fosse successo era ed è chiaro a tutti: Stefano lo portava, ben evidente, “sulla sua pelle”. E’ su questo paradosso, sulla gente che chiede con insistenza a Stefano cosa sia successo come non lo sapesse e senza però muovere un dito, che “Sulla mia pelle” si evolve.

E’ dunque non solo il dolore fisico a tormentare quel che rimane di Stefano, ma anche la sensazione tremendamente veritiera che nessuno lo aiuterà. Che nessuno, magari mosso da compassione, andrà un centimetro oltre le proprie mansioni di pubblico ufficiale, medico, portantino o avvocato. Come se ciascuno della schiera che avrebbe dovuto garantire a Cucchi un trattamento equo e umano fosse invece, un po’ per omertà e un po’ per inettitudine, dalla parte dei suoi carnefici.

Più che le sue immagini, quello che di “Sulla mia pelle” colpisce come un pugno è difatti la profonda sfiducia che il film nutre nell’apparato statale. La cosa ne fa, ovviamente, un film profondamente schierato, praticamente un atto di militanza.

Ottimo il comparto tecnico, asciutto e minimale, anche se i modelli di riferimento in ciascun campo sono fin troppo chiari (“Hunger” su tutti).
Molto bravo, ma lo hanno già detto tutti, Borghi; qui una specie di Christian Bale de noantri.

Paese di produzione: Italia
Anno: 2018
Durata: 100 min
Genere: drammatico
Regia: Alessio Cremonini
Soggetto: Alessio Cremonini
Sceneggiatura: Alessio Cremonini, Lisa Nur Sultan
Produttore: Luigi Musini, Olivia Musini, Andrea Occhipinti
Casa di produzione: Cinemaundici, Lucky Red
Distribuzione (Italia): Lucky Red, Netflix
Fotografia: Matteo Cocco
Montaggio: Chiara Vullo
Musiche: Mokadelic
Scenografia: Roberto De Angelis

Interpreti e personaggi
Alessandro Borghi: Stefano Cucchi
Max Tortora: Giovanni Cucchi
Jasmine Trinca: Ilaria Cucchi
Milvia Marigliano: Rita Calore
Andrea Lattanzi: Emanuele Mancini
Orlando Cinque: Maresciallo Roberto Mandolini
 

Ant-Man and the Wasp

Il Marvel Cinematic Universe continua a espandersi. Non soltanto dal punto di vista dei nuovi personaggi che vengono introdotti di film in ...

Ostili (Hostiles)

Western credibili ai giorni nostri sono merce molto rara. Non manchevole di qualche difetto e forzatura, “Hostiles” fa, senza ...

Ghost Stories

“Ghost Stories” è un discreto horror che sprizza inglesità da ogni poro – a tal proposito andrebbe vietato di guardarlo ...

Un Posto Tranquillo (A Quiet Place)

“A Quiet Place” non è poi tutto questo gran bel posto e, soprattutto, non é poi cosí quiet. E’ infatti un futuro ...

Il Sacrificio Del Cervo Sacro (The ...

Come da tradizione, grazie a movimenti di macchina chirurgici e un commento musicale inquietante, Lanthimos innesca il suo quinto film ...