MOTHERS
Render Another Ugly Method

[ Anti - 2018 ]
8
 
Genere: indie-folk,indie-rock
 
24 Settembre 2018
 

Originari di Athens, Georgia, la citta dei R.E.M., i Mothers si sono trasferiti ora a Philadephia, una delle città che negli ultimi anni ha dato più soddisfazioni al movimento indie-rock a stelle e strisce.

Dopo il bellissimo debutto “When You Walk A Long Distance You Are Tired”, uscito un paio di anni fa, la scorsa settimana è uscito il loro sophomore, realizzato questa volta da Anti- Records.

Registrato ai Sargent Recorders di Los Angeles, il disco è stato prodotto e mixato dal notissimo John Congleton (St. Vincent, Sleater-Kinney, John Grant).

Se con il loro esordio eravamo abituati a toni gentili e a una strumentazione piuttosto minimale e comunque tranquilla, qui le cose cambiano perché in questo nuovo lavoro il gruppo capitanato da Kristine Leschper ha provato a variare le sue traiettorie, almeno in parte.

Se l’inizio con “Beauty Routine”, dove troviamo un drumming sempre molto presente e deciso, puo’ ricordare qualcosa del loro LP precedente, già dalla lunghissima e successiva “Pink” possiamo trovare novità importanti e convincenti: la velocità elevata, una certa urgenza nella strumentazione e soprattutto l’accoppiata vincente batteria – basso, cortesia di Matthew Anderegg e Chris Goggans sono tutti elementi che portano sapori inediti per i Mothers. Sempre adrenalinica e intensa la prima, più leggero e dal passo felpato il secondo, insieme alla rumorosa chitarra di Drew Kirby, portano un’energia alquanto inaspettata al secondo pezzo di “Render Another Ugly Method”.

Proseguiamo e “Baptist Trauma” ci porta su territori industrial e ancora una volta rimaniamo sorpresi dalla poderosa incisività del drumming cupo di Anderegg.

La delicatezza di “Mutual Agreement” e soprattutto della lunghissima “Mother And Wife” – quasi otto minuti dal sapore folk-rock – ha sicuramente un impatto positivo sull’ascoltatore, ma è “Wealth Center / Risk Capital” a stupirci maggiormente: dopo un inizio elegante e denso, appare pure uno spoken-word alquanto inaspettato, ma che non sembra comunque essere fuori posto.

Un album ricco e variegato, “Render Another Ugly Method”, non è un disco che si digerisce al primo ascolto, ma, pur senza mai perdere la gentilezza dei vocals della Leschper, ci mostra tanti e sconosciuti volti dei Mothers. Un passo brillante e molto interessante per questi ragazzi statunitensi.

Tracklist
1. Beauty Routine
2. Pink
3. It Is A Pleasure To Be Here
4. Blame Kit
5. Baptist Trauma
6. Western Medicine
7. Circle Once
8. Mutual Agreement
9. Mother And Wife
10. Wealth Center / Risk Capital
11. Fat Chance
 
 

Deftones – Ohms

Il plauso che va fatto alla compagine di Sacramento è quello di non essere mai scesa a compromessi e non solo. A differenza di altri ...

Bruce Springsteen – Letter To ...

C’era un tempo in cui si attendeva in maniera spasmodica, perlomeno per alcune uscite, la pubblicazione ufficiale, magari presentandosi di ...

Darlingside – Fish Pond Fish

I Darlingside hanno festeggiato lo scorso maggio dieci anni di carriera, un traguardo importante che hanno celebrato con una buona dose ...

The Reds, Pinks And Purples – ...

Glenn Donaldson, componente di The Art Museums  e Skygreen Leopards  con Donovan Quinn, continua a creare musica, con quello che lui ...

Francesco Bianconi – Forever

Con i Baustelle in “fermo biologico concordato” (ipse dixit) ecco l’album solista, il primo, di Francesco Bianconi, ...