PAUL WELLER
True Meanings

[ Parlophone Records - 2018 ]
7.5
 
Genere: Blues Eyed Soul, Acustic Folk,
 
28 Settembre 2018
 

Paul Weller, una figura talmente importante nella musica inglese quanto intoccabile, come un Battiato oppure un De Andrè per un italiano (un paragone un po’ strano però lo faccio giusto per capirci), infatti è difficile criticare le opere del ex frontman dei Jam perché, parlando dei suoi album solisti, c’è da notare come siano sempre stati buoni, se non ottimi. Una qualità decisamente alta che non viene meno neanche questa volta, con “True Meanings”.

Lavoro che mi ha decisamente sorpreso, questo di Weller, lo ammetto, perché molto classico direi per certi aspetti, quasi intimo, curatissimo sotto l’aspetto della strumentazione e dell’arrangiamento.  L’unica costante è, oltre a quella voce calda e suggestiva, la sua fidata chitarra acustica, che, a tratti, si accompagna ad una sezione di archi, fiati, tastiere e batteria (con comparse rare di sitar e contrabbasso). Parlando dei pezzi posso dire che sono altamente godibili, anzi, penso proprio che chiunque ascolterà questi brani potrà trovarli “popolari” (nel senso di accostabili al pop), fruibili e facili nel ascolto, cosa non esattamente facile da realizzare per tutta la durata di un album, neanche se ti chiami Paul Weller. La carta vincente è quel magico equilibrio tra malinconia, suono acustico e uno spirito morbido a avvolgente che perme l’intero lavoro. E sicuramente gli arrangiamenti, in questo senso, danno una grossissima mano, cosme già lasciavo intendere. Lasciatevi cullare e abbandonatevi a canzoni come “The Soul Searchers” oppure “Gravity” e “Old Castles”: stupende, estremamente rilassanti ed ennesima dimostrazione della versatilità, ma anche della raffinatezza estrema raggiunta qui da Paul Weller.

L’album non presenta criticità, sia a livello compositivo che di registrazione. A gusto personale non apprezzo particolarmente “Bowie” (nome non solo dell’artista, ma anche del figlio di Weller), ma, ripeto è meramente una questione personale. In conclusione, ascolto quasi obbligato, sia per chi apprezza da sempre ‘The Modfather’, ma anche da parte di chi non lo ha mai apprezzato più di tanto. Un disco dai toni autunnali che non potrà non emozionarvi. Concedetevi questo bel viaggio verso un ideale ‘Tranquility Lane’.

Credit Foto: Nicole Nodland

Tracklist
1. The Soul Searchers
2. Glide
3. Mayfly
4. Gravity
5. Old Castles
6. What Would He Say?
7. Aspects
8. Bowie
9. Wishing Well
10. Come Along
11. Books
12. Movin On
13. May Love Travel With You
 
 

Braids – Shadow Offering

Inizia con la dichiarazione di un amore fugace contenuta nell’opening track “Here 4 U” il quarto album in studio della ...

Cloud Nothings – The Black ...

Era ottobre 2018 quando i Cloud Nothings avevano pubblicato, via Wichita Recordings, il loro quinto LP, “Last Building Burning”: ora la ...

The Beths – Jump Rope Gazers

Diamo il bentornato ai simpatici Beths di Auckland che danno un seguito al piacevolissimo esordio di due anni fa. Il quartetto cambia un ...

Khruangbin – Mordechai

Tornano i mariachi del groove texani dopo l’ottimo “Con Todo El Mundo”, e lo fanno dimostrano un invidiabile stato di ...

Sault – Untitled (Black is)

In un mondo di sovraesposizione mediatica i Sault si fanno notare per la loro misteriosa identità: arrivati al terzo album, di cui due ...