OGGI “SO TONIGHT THAT I MIGHT SEE” DEI MAZZY STAR COMPIE 25 ANNI

 
5 ottobre 2018
 

Arrivare al secondo disco e dimostrare di essere meritevole di adorazione. Questo è quello che Hope Sandoval compie, riempiendo di grazia assoluta un disco magnifico come il secondo album della carriera dei Mazzy Star. Certo, mi si potrebbe dire che dietro a quella grazia e quell’incanto vocale ipnotico e magico c’è la chitarra di un ispiratissimo David Roback, e io non posso che ribatter…”si, è vero”. La divina brilla anche (e proprio) in virtù dei dipinti sonori pennellati con perizia assoluta da David, che trova l’equilibrio perfetto tra popedelia e folk sognante.

“So Tonight That I Might See” è quel disco in cui tutto funziona, quel lavoro dentro al quale ci si perde e non si ha più voglia di ritrovare la strada per casa, perché navigare e perdersi in questo mare è troppo dolce e come si può voler tornare indietro?

Il sogno impalpabile si fa dilatato, con una fisicità che tende a slabbrarsi in modo dolcissimo e sottili fili impercettibili ci elevano nella dimensione delle sensazioni e delle apparenze mistiche. Ritmi languidi, alla moviola, carezze interminabili che provocano sussulti e pelle d’oca. Atmosfere inquiete, tetre e mantra riccho di oscurità (“Mary Of Silence”) che vengono prontamente accomagnate a momenti ricchi di innocente candore folk (“Five String Serenade” o “Into Dust”). Estremi in cui i Mazzy Star si trovano perfettamente a loro agio, in una scuola musicale che guarda tanto a uno spirito narcolettico e allucinato (Velvet Underground) quanto a uno spirito romantico e decadente (“Fade Into You” è qualcosa che va oltre lo splendore, da questo punto di vista). In mezzo a questi punti fermi ecco la chitarra acida e distorta di “She’s My Baby” o la ballata da lacrimoni (“Blue Light”), quella che ogni coppia dovrebbe ballare almeno una volta, guardandosi negli occhi senza fiatare, perché tanto ci pensa Hope a dire già tutto lei.

Il colpo di grazia arriva con la title track. 7 minuti che definire puramente visionari e psichedelici è dire poco. Pochissimo. Si, lo confermo e lo sottoscrivo. Hope merita adorazione. E noi, devoti, siamo già in ginocchio. Ormai da 25 anni.

Mazzy Star – So Tonight That I Might See
Pubblicazione: 5 ottobre 1993
Durata: 51:36
Tracce: 10
Etichetta: Capitol
Produttore: David Roback

Tracklist:
Fade Into You
Bells Ring
Mary Of Silence
Five String Serenade
Blue Light
She’s My Baby
Unreflected
Wasted
Into Dust
So Tonight That I Might See

 

Oggi “Parklife” dei ...

Soppiantata in radio dalle star americane, l’Inghilterra degli anni ’90 auspicava una rinascita musicale nel nome dei gloriosi anni ...

Oggi “Rejoicing In The ...

Quindici anni di già che “Rejoicing In The Hands” di Devendra Banhart è giunto ad illuminare il mondo. Un album informale, ...

The Rise And Fall Of Our World: ...

Abbiamo i giorni contati, ci restano esattamente solo cinque anni prima che il mondo vada completamente in rovina: è così che si apre ...

Oggi “Primary Colours” degli ...

Non mi capita molto spesso di andare a riascoltare gli Horrors – non ho apprezzato particolarmente l’ultimo paio di uscite a loro nome, ...

Oggi “Illmatic” di Nas compie ...

Di “Illmatic”, album d’esordio del rapper newyorchese Nas, se n’è parlato e se ne continua a parlare moltissimo. Qualcuno, forse ...