SUEDE
Live @ Fabrique (Milano, 04/10/2018)

 
Tags: ,
5 Ottobre 2018
 

Brett, Brett, Brett….fortissimamente Brett! 51 anni dice la carta d’identità, ma qui più passa il tempo più la magia non solo continua, ma si rinforza. Il carisma di Brett Anderson è da sempre riconosciuto, ma assistere ad esibizioni come quella di ieri sera a Milano, beh, non fa altro che rinforzare l’immagine iconica del personaggio, catalizzatore di sguardi e palpitazioni.

Tutto il repertorio del cantante viene esposto senza soluzione di continuità. Abbiamo il Brett più schivo (per i primi due brani non guarda neanche il pubblico, ma praticamente canta rivolgendosi al ventilatore a lato del palco), quello invasato che salta e non sta fermo un attimo, quello lascivo e sensuale che fa il suo balletto come ai tempi di “Love & Poison” (durante “He’s Dead”, si, avete letto bene, hanno fatto “He’s Dead”!!), il Brett struggente che si butta in ginocchio, quello “tenerone” che ringrazia e si batte il petto come a dire “grazie dal profondo del cuore“, quello che si diletta nel far vorticare il microfono, il Brett che incita la folla e pure quello che “si mette” tra la folla stessa, a cantare, circondato, toccato e adorato da tutti i suoi devoti fan. Quando sul piatto hai carte simili, beh, cosa vuoi dire? Ultimo, ma non ultimo, il fatto che la voce sia ancora pazzesca…gioco, partita e incontro!

La resa sonora è ottima. Il Fabrique si conferma luogo ottimale dal punto di vista dell’audio e anche il colpo d’occhio, in merito alle presenze, è notevole. Età media alta. Si rivedono facce conosciute, vecchi amici che avevamo perso dal radar…sotto il palco dei Suede succede questo e altro, perché sono davvero una band che unisce, smuove gli animi e fa spostare anche quella gente che, magari per l’età, se ne starebbe volentieri sul divano (io in primis, ahahahah).

La scaletta non disdegna affatto i brani dell’ultimo lavoro, che però, come faceva notare il collega (mio omonimo) Ricky, estrapolati dal contesto del concept album e messi così in una setlist, perdono un po’ la loro forza “collettiva”, che hanno all’interno di “The Blue Hour” (un disco che meriterebbe, in ogni data, forse una sua riproposizione integrale, per coglierne in pieno il senso). Richard è in forma, carico, grintoso, tra l’altro ben dimagrito, Neil è là, nelle retrovie, capello sempre più lungo, la sezione ritmica è sempre magnificamente all’altezza della situazione. I presenti comunque accolgono bene le canzoni nuove, certo che a far tremare i polsi sono i pezzi che portano la firma dell’ex chitarrista Bernard Butler: i singoli del primo album e la doppietta “We Are The Pigs” ed “Heroine” da “Dog Man Star” e la già citata “He’s Dead” (ancora non ci credo di averla sentita). Non me ne voglia il buon Richard Oakes, ma qui si parla di capolavori, lui a questo livello (a mio personalissimo avviso, sia chiaro) ancora non c’è arrivato, pur fermandosi al grado “ottimi brani”, ripeto, ottimi, che non è certo poco. Non mancano ovviamente un paio di bombe pop da “Coming Up”, ovvero “Trash” e “Beautiful Ones” (che ovviamente scatena il canto e il ballo collettivo).

Qualche calo di tensione in realtà c’è stato. L’esecuzione chitarra acustica e voce (senza microfono e con chitarra non amplificata) di “Oceans” pare giusto una dimostrazione di quanto Brett abbia una altissima considerazione delle sua abilità canore e della sua voce, ma risulta francamente fuori contesto. “Invisibles” assume toni fin troppo grevi e la preferisco decisamente sull’album, pur non essendo, comunque, tra le mie favorite. Ma stiamo cercando il pelo nell’uovo, come si potrà notare.

Chiusura con “Life Is Golden”, il brano più rappresentativo del nuovo album, non a caso posto alla fine. Brett chiede a tutti i presenti di cantarlo. Per il sottoscritto non è ai livelli di una “The Wild Ones”, tanto per citare una ballata storica, ma crediamo che da qui in avanti non mancherà più in nessuna scaletta futura anche di prossimi tour.

Ore 23. Applausi e saluti. Una band fuori dal tempo, fuori dalle mode e magnificamente coinvolgente. I Suede 2018 sono in gran forma! Un piacere e un onore essere stato a un simile live.

 

King Gizzard And The Lizard Wizard ...

Partiamo col botto. Ritardi classici con Trenitalia, sarei dovuto arrivare alle 11:30 da Trento e invece sono arrivato alle 13:30, ma Milano ...

Tiny Moving Parts – Live @ ...

I Tiny Moving Parts ritornano stasera in Italia per un’unica data a supporto del loro nuovissimo settimo LP, “Breathe”, uscito da ...

Pete Doherty (+ The Puta Madres) ...

di Fabio Campetti La sensazione che Pete Doherty (lui ultimamente si fa chiamare Peter, ma noi continuiamo a usare il classico Pete, ci ...

LIFE – Live @ Freakout Club ...

I Life hanno fatto parecchia gavetta, ma sembra che ora sia arrivato il loro momento: recentemente in tour con gli amati Idles, la band di ...

Pixies – Live @ Paladozza ...

La storia dei Pixies è decisamente lunga e parte oltre 30 anni fa in quel di Boston: non spetta certo a noi dire quanto importanti siano le ...