ALBUM: INTERBELLUM
Dead Pets, Old Griefs

 
10 Ottobre 2018
 

Il bello di internet. Girovagare senza una particolare meta, saltando da un grupoo all’altro. prima o poi a qualcosa di buono e di sconosciuto si arriverà di certo. E’ quello che mi è accaduto con gli Interbellum. Non chiedetemi da dove sono partito, nemmeno lo ricordo più. Certo che il punto di arrivo mi ha colpito e sorpreso.

“Dead Pets, Old Griefs” è il secondo album di questa formazione che, a primo ascolto, si potrebbe tranquillamente catalogare come scozzese e invece, incredibile ma vero, viene da Beirut.

Tutto gira intorno alla figura di Karl Mattar, che propone un sound che si aggira tanto dalle parti di un pop avvolgente (dream verrebbe da dire, giusto per capirsi) a basso voltaggio, a base di organo o synth e ritmi alla moviola (“PQRST” è esplicita sotto questo punto di vista), quanto su soluzioni più sperimentali, ma non mancano anche i mondi più pop, delicati e melodici (senza però mai dimenticare una malinconia di fondo) dei primi Belle & Sebastian. A completare il tutto (in un brano come “For Air”) anche la capacità di generare bagliori costanti e prolungati che saturano l’aria, così come una graffiante e pulsante cavalcata rock dal gusto lo-fi (“It’s All Over”). Sa essere variegato il nostro e il suo disco si dimostra interessante e piacevole per tutta la sua durata.

Insomma, una bella scoperta!

 

Radiohead: guarda il video di ...

Oggi i Radiohead svelano il nuovo video del singolo “If You Say The Word” diretto dal regista norvegese Kasper Häggström (già ...

In arrivo la ricca ristampa che ...

A partire dal 12 novembre 2021, Geffen/UMe celebra il 30° Anniversario di “Nevermind”, con diverse ristampe multiformato. Un ...

Do The Cabaret Voltaire

A Richard H. Kirk Sì, è davvero così: i Cabaret Voltaire non sono mai stati una band nel senso classico del termine, ma, più ...

La vera “Regina degli ...

Nona Gaprindashvili, campionessa di scacchi georgiana oggi ottantènne, ha intentato una causa per diffamazione da 5 milioni di dollari ...

Oggi “Wretch” dei Kyuss ...

Josh Homme, Nick Oliveri, Brant Bjork e John Garcia, una line-up leggendaria, oltre che l’anima più primordiale e viscerale dello ...