JOCELYN PULSAR
Contro I Giovani

[ Cabezon - 2018 ]
7
 
Genere: Pop, indie, Cantautorato
 
10 ottobre 2018
 

Apprestarsi all’ascolto di qualcosa di nuovo è sempre un ottimo esercizio sia uditivo che cognitivo.
Nuove parole, nuove frasi musicali possono stimolarci, spalancare porte per vedere orizzonti sconosciuti.
Forse è per questo che non mi stancherò mai di farlo.
Forse è per questo che non cadrò mai in tecnicismi inutili e racconterò la musica a modo mio.

Jocelyn Pulsar, con il suo “Contro i giovani”, realizza qualcosa per gli over 35, ma che può essere tranquillamente ascoltato dalle giovani leve, quelle stesse leve che hanno inventato un termine, it-pop, per descrivere qualcosa esistente da decenni, ovvero quel cantautorato che ha sempre curato quei dettagli della vita di tutti e che, automaticamente, facevano rispecchiare i più in quei testi.

Nulla di male, ma l’indie?

Questo può essere un album per chi ha nostalgia di quel termine. Per chi scaricava da solo i pezzi graditi, senza affidarsi a playlist preconfezionate. Per chi si lancia nell’ascolto del nuovo ma non dimentica tutto quello che c’è stato prima. “Contro i giovani” è un lavoro per chi ha alle spalle delusioni e ha negli occhi belle speranze.

“Bombe inesplose” è tutto ciò che abbiamo sempre fatto. Apparentemente spavaldi, timidi e sensibili per professione, siamo quelli che: “ancora adesso se ti incontro per strada mi nascondo e non so il perché”.

“Contro i giovani” è un pro memoria di quello che c’è stato e di quella che ci aspetta.
Diamoci una mossa che poi arrivano i dolori alle ossa, i figli da mantenere, i nipoti ubriachi tutte le sere.” Funge da monito a quello che verrà. Saremo forse piccoli per sempre come diceva qualcuno ma lo faremo con stile.

“Scopamica” è quello schiaffetto sulla nuca che potresti ricevere dal tuo migliore amico. Un tentativo di risveglio dinanzi a tutto quello che proprio nella vita non ci gira come vorremmo. Quando il sangue che ci porta a scopare cambia direzione, concentrandosi nella gabbia toracica, facendoci innamorare di chi decide di non aprirci le gambe e neanche il cuore. Scopamiche di merda e dove trovarle insomma. Ci resta il profumo dei capelli in mano e, personalmente, non mi basta. “Esiste un modo facile e sicuro per avere tutto quello che si vuole dalla vita: basta abbassare le pretese fino a che la tua ambizione anche volendo non resti tradita”.

Non resta che ascoltare Jocelyn Pulsar, entrare nel suo mondo, soffermarci sul nostro, sedersi, accendere una sigaretta e aspettare, qualcosa accadrà…

Tracklist
1. Bombe inesplose
2. Scopamica
3. Contro i giovani
4. Superman contro Van Damme
5. Mi volevo comprare un bar
6. Bangladesh
7. Le balene
 
 

Andy Burrows & Matt Haig ...

Sono passati ormai cinque anni dal suo ultimo album, “Fall Together Again”, ma questo weekend Andy Burrows è ritornato con il suo ...

C’Mon Tigre – Racines

Le radici per la propria terra, l’inclinazione al viaggio. Due concetti apparentemente in antitesi, ma chi è nato sul mare non potrà ...

Le Butcherettes – Bi / Mental

Sono passati più di tre anni da “A Raw Youth” e visti i tempi che corrono non poteva mancare un nuovo album di Le Butcherettes. Dopo ...

Guided by Voices – Zeppelin ...

Nuovo album per la band di Robert Pollard, da sempre leader dei Guided by Voices, band di cui abbiamo notizie sin dal lontano 1983. Dopo due ...

Ian Brown – Ripples

“Don’t be sad it’s over, be happy that it happened”. Così chiosava King Monkey, al secolo Ian George Brown, dopo ...