THE JOY FORMIDABLE
Aaarth

[ Hassle - 2018 ]
7.5
 
Genere: alt-rock,indie-rock
 
10 ottobre 2018
 

Dopo oltre due anni da “Hitch”, lo scorso weekend i Joy Formidable sono tornati con questo quarto LP, pubblicato da Hassle Records.

La press-release ci fa sapere che questo nuovo disco è stato registrato nel loro studio di registrazione mobile, mentre la band gallese stava girando il mondo “dalle colline del loro nativo Galles ai canyon color arcobaleno dei territori tra Utah e Arizona”, dove vive ora la frontwoman Ritzy Bryan.

Dopo il mezzo falso con il loro lavoro precedente, il trio di Mold, Galles cerca di espandere il suo sound e ritrovare la forma migliore per questo nuovo LP.

Iniziamo con “Y Bluen Eira” e subito ci sorprendono rumorosi synth, che non ricordiamo di aver ascoltato molto spesso in passato nei brani dei Joy Formidable: non sempre gradevole, la opening-track, con i suoi canti dal sapore tribale e le sue percussioni esplosive, ci spiega immediatamente cosa dobbiamo aspettarci dal disco.

I suoni furiosi e i grandi ritmi proseguono anche nella successiva “The Wrong Side”, una delle migliori tracce del disco, in cui una melodia dreamy, accompagnata anche da ottimi synth, delizia le nostre orecchie sopra al rumore provocato dalla chitarra.

Per prenderci una pausa dal forte noise della band gallese, “All In All” sembra perfetta: piuttosto lunga (quasi sei minuti), la canzone posta (forse appositamente) al centro del disco ci regala gentili e delicate melodie, trasportandoci in luoghi lontani e preziosi, attraverso la dolcezza della voce di Ritzy.

Siamo dei romanticoni e vi andiamo a parlare ancora di un pezzo tranquillo e sognante, “Absence”: qui i vocals della Bryan sono accompagnati dal suono leggero del piano, prima di un saggio uso dell’elettronica nel finale, che non rovina, anzi arricchisce il tono del brano.

I pesanti riff di “What For” sono davvero pericolosi e intensi, mentre “Dance Of The Lotus”, pur con una linea di synth a nostro avviso un po’ troppo pesante nell’economia del pezzo, sa creare un’atmosfera davvero convincente, cortesia della sezione ritmica della sezione ritmica composta da Rhydian Dafydd (basso) e Matthew James Thomas (batteria).

Non perfetto in tutti i momenti, questo quarto lavoro sulla lunga distanza dei Joy Formidable è comunque gradevole, potente, adrenalinico e soprattutto capace di disegnare melodie davvero incantevoli: la promozione per il trio gallese è meritata.

Tracklist
1. Y Bluen Eira
2. The Wrong Side
3. Go Loving
4. Cicada (Land On Your Back)
5. All In All
6. What For
7. The Better Me
8. Absence
9. Dance Of The Lotus
10. You Can’t Give Me
11. Caught On A Breeze
 
 

Andy Burrows & Matt Haig ...

Sono passati ormai cinque anni dal suo ultimo album, “Fall Together Again”, ma questo weekend Andy Burrows è ritornato con il suo ...

C’Mon Tigre – Racines

Le radici per la propria terra, l’inclinazione al viaggio. Due concetti apparentemente in antitesi, ma chi è nato sul mare non potrà ...

Le Butcherettes – Bi / Mental

Sono passati più di tre anni da “A Raw Youth” e visti i tempi che corrono non poteva mancare un nuovo album di Le Butcherettes. Dopo ...

Guided by Voices – Zeppelin ...

Nuovo album per la band di Robert Pollard, da sempre leader dei Guided by Voices, band di cui abbiamo notizie sin dal lontano 1983. Dopo due ...

Ian Brown – Ripples

“Don’t be sad it’s over, be happy that it happened”. Così chiosava King Monkey, al secolo Ian George Brown, dopo ...