OGGI “YOU’VE COME A LONG WAY, BABY” DI FATBOY SLIM COMPIE 20 ANNI

 
di
19 ottobre 2018
 

Fine del ventesimo secolo.

Dai sottoboschi techno ed underground erano già emersi gruppi come Underworld e Prodigy ad aprire la strada all’elettronica di matrice britannica; sia chiaro, fenomeno che aveva già la sua potenza di fuoco ben strutturata, solo che siamo di fronte ad una svolta epocale: adesso i vari Massive Attack Chemical Brothers scalano le classifiche di vendite non solo del settore, ma tout court. Il fenomeno Big Beat è diventato mainstream a tutti gli effetti.

Norman Cook in quegli anni, è un onesto ed apprezzato mestierante, tra serate come DJ, un disco già uscito sotto il moniker Fatboy Slim dopo una già rodata carriera musicale (era stato già stato, tra le altre, bassista degli Housemartins) ed alcune fortunate collaborazioni (i remix di “Brimful of Asha” dei Cornershop o di “Body Movin'” dei Beastie Boys): è già qualcuno nel settore, quindi, quando escono i due singoloni “The Rockafeller Skank” e “Gangster Tripping” che anticipano l’album “You’ve come Long Way, Baby”.

Una copertina storica, quattro singoli piazzati nella top ten UK con altrettanti video stupendi (oltre ai già citati, “Praise You” con Spike Jonze alla regia e la teoria evolutiva di “Right Here, Right Now”) che entrano agili in spot pubblicitari o videogiochi (FIFA99, Adidas, …), tra campionature, samples (e successive rogne legali per plagio…), l’album è un meltin’ pot di generi che spaziano dal punk, all’acid house, dal rock al funk, dal soul al folk, dal surf alla techno, dalla dance al R’n’B, il tutto con un evidente gusto pop, per la facilità con cui ti aggancia e ti sbatte ovunque: un disco adrenalinico, divertente, distruttivo, scalmanato ,eccentrico, incalzante, “You’ve Come a Long Way, Baby” fa saltare il banco e lancia Fatboy Slim nell’Olimpo degli Dei, per quello che rimarrà senza discussione un superclassico della musica di fine millennio.

Fatboy Slim – You’ve Come a Long Way, Baby
Data di pubblicazione: 19 ottobre 1998
Lunghezza: 61:59
Label: Skint / Astralwerks
Produttore: Norman Cook

Tracklist:
1.Right Here, Right Now
2.The Rockafeller Skank
3.Fucking in Heaven
4.Gangster Tripping
5.Build It Up – Tear It Down5
6.Kalifornia
7.Soul Surfing
8.You’re Not from Brighton
9.Praise You
10.Love Island
11.Acid 8000

 

Oggi “The Smiths” degli ...

Il 20 febbraio del 1984 usciva l’omonimo album di esordio degli Smiths, la band che, in quattro anni di attività e altrettanti album, ...

Oggi “The Runaway ...

Il 16 febbraio 2004 usciva “The Runaway Found”, l’album d’esordio dei The Veils. Anticipato dai singoli “Lavinia” (24 ...

The Weekender: ascolta gli album di ...

Da qualche anno ormai il venerdì è il giorno della settimana consacrato alle uscite discografica. Quale migliore modo allora per ...

Wolftrips Podcast 8 febbraio 2019 ...

In questa puntata di WOLFTRIPS, faremo un viaggio musicale nelle netlabel più underground, ascoltando musica che spazia dal nu jazz – ...

Oggi “Crooked Rain, Crooked ...

Era il 1992 quando i Pavement di Stephen Malkmus e soci se ne uscirono con il mitico “Slanted & Enchanted”: capolavoro di ...