OGGI “YOU’VE COME A LONG WAY, BABY” DI FATBOY SLIM COMPIE 20 ANNI

 
di
19 ottobre 2018
 

Fine del ventesimo secolo.

Dai sottoboschi techno ed underground erano già emersi gruppi come Underworld e Prodigy ad aprire la strada all’elettronica di matrice britannica; sia chiaro, fenomeno che aveva già la sua potenza di fuoco ben strutturata, solo che siamo di fronte ad una svolta epocale: adesso i vari Massive Attack Chemical Brothers scalano le classifiche di vendite non solo del settore, ma tout court. Il fenomeno Big Beat è diventato mainstream a tutti gli effetti.

Norman Cook in quegli anni, è un onesto ed apprezzato mestierante, tra serate come DJ, un disco già uscito sotto il moniker Fatboy Slim dopo una già rodata carriera musicale (era stato già stato, tra le altre, bassista degli Housemartins) ed alcune fortunate collaborazioni (i remix di “Brimful of Asha” dei Cornershop o di “Body Movin'” dei Beastie Boys): è già qualcuno nel settore, quindi, quando escono i due singoloni “The Rockafeller Skank” e “Gangster Tripping” che anticipano l’album “You’ve come Long Way, Baby”.

Una copertina storica, quattro singoli piazzati nella top ten UK con altrettanti video stupendi (oltre ai già citati, “Praise You” con Spike Jonze alla regia e la teoria evolutiva di “Right Here, Right Now”) che entrano agili in spot pubblicitari o videogiochi (FIFA99, Adidas, …), tra campionature, samples (e successive rogne legali per plagio…), l’album è un meltin’ pot di generi che spaziano dal punk, all’acid house, dal rock al funk, dal soul al folk, dal surf alla techno, dalla dance al R’n’B, il tutto con un evidente gusto pop, per la facilità con cui ti aggancia e ti sbatte ovunque: un disco adrenalinico, divertente, distruttivo, scalmanato ,eccentrico, incalzante, “You’ve Come a Long Way, Baby” fa saltare il banco e lancia Fatboy Slim nell’Olimpo degli Dei, per quello che rimarrà senza discussione un superclassico della musica di fine millennio.

Fatboy Slim – You’ve Come a Long Way, Baby
Data di pubblicazione: 19 ottobre 1998
Lunghezza: 61:59
Label: Skint / Astralwerks
Produttore: Norman Cook

Tracklist:
1.Right Here, Right Now
2.The Rockafeller Skank
3.Fucking in Heaven
4.Gangster Tripping
5.Build It Up – Tear It Down5
6.Kalifornia
7.Soul Surfing
8.You’re Not from Brighton
9.Praise You
10.Love Island
11.Acid 8000

 

Oggi “Public Image: First ...

Prima di “Metal Box”, l’album che tutti ricordano quando pensano al collettivo musicale chiamato Public Image Ltd, c’è stato ...

Oggi “Beggars Banquet” ...

“Avevamo finito la benzina”. Queste le parole con cui Keith Richard introduce il capitolo 7 della sua autobiografia ...

Oggi “Band on the Run” ...

di Luca Rigato C’è un cordone ombelicale che unisce l’ultimo lavoro di Paul McCartney “Egypt Station” allo storico ...

Oggi “Show No Mercy” ...

Gli Slayer si formano nel 1981 ad Huntington Park , sobborgo di Los Angeles quando due liceali che rispondono al nome di Jeff Hanneman e ...

Oggi “Astral Weeks” di Van ...

Non tutti gli anniversari hanno lo stesso peso. Questa è la prima considerazione che mi viene in mente riflettendo sull’album che ...