AS MADALENAS
Vai, Menina

[ Brutture Moderne – 2018 ]
8.5
 
Genere: Pop, musica brasiliana
 
22 ottobre 2018
 

E’ un ritorno piacevolissimo quello delle As Madalenas, duo italo brasiliano che aveva incantato un po’ tutti tre anni fa con l’esordio “Madeleine” e la sua sapiente miscela di musica tricolore e verde oro. In quel disco la bolognese Cristina Renzetti e la brasiliana Tati Valle suonavano brani inediti e cover di Paolo Conte, Moreno Veloso, Arto Lindsay e Guinga (uno dei maggiori compositori brasiliani contemporanei) rielaborate con la forza delle loro voci, di due chitarre, delle percussioni e di strumenti presi in prestito dal jazz e dalla samba. Alternando note dolcissime e testi cantati in italiano e in portoghese, le As Madalenas hanno dimostrato che si può essere originali partendo dal passato per guardare al futuro, senza dover necessariamente scendere a compromessi.

“Vai, Menina” conferma l’ottima impressione lasciata dal disco d’esordio. Tre inediti di splendida fattura (“Verde”, “Papo de Mulher”, “Menina Do Sol”) e tanti omaggi in pieno stile “madalenico” a classici d’autore come “Millacrima”, l’appassionata versione italiana di un brano di Itamar Assumpçao con un testo della poetessa Alice Ruiz. C’è spazio anche per la dolcezza di “Leãozinho” di Caetano Veloso nel secondo album di Renzetti & Valle, in un arrangiamento molto particolare opera del clarinettista Gabriele Mirabassi. La qualità delle As Madalenas si vede soprattutto nelle armonie sbarazzine di “Sinal” e in “Sem Fantasia”, pezzo di Chico Buarque (il secondo del lotto insieme a “Olé olà”) che Cristina Renzetti e Tati Valle fanno proprio con rispetto e grazia senza far rimpiangere la famosa versione di Maria Bethânia o quella in duetto di Buarque – Veloso.

La vera sorpresa di “Vai, Menina” è la presenza di Guinga in persona che, intrigato dal sound delle As Madalenas, presta la sua malinconica voce in uno struggente duetto a tre di nome “Meu Pai”. Una rivisitazione giocosa di “Everything’s Alright” di Andrew Lloyd Webber chiude un disco frizzante, capace di far ricordare l’estate anche in pieno autunno grazie a Cristina Renzetti e Tati Valle che creano melodie profumate di saudade, basilico e acqua di mare.

Tracklist
1. Verde
2. Olè Olà
3. Papo de Mulher
4. Millacrima
5. Leãozinho
6. Bicho de 7 Cabecas
7. Sinal
8. Cego Juliao
9. Meu Pai
10. Sem Fantasia
11. Menina Do Sol
12. Everything’s Alright
 
 

Robyn – Honey

Robyn non voleva scrivere altre tristi canzoni d’amore e ballare da sola al centro del dancefloor, l’aveva promesso a se stessa. Ma ci ...

PAINT – Paint

PAINT è l’incarnazione solista e psichedelica di Pedrum Siadatian, chitarrista degli Allah-Las che si è preso una momentanea vacanza dal ...

How To Dress Well – The ...

Se la (mitica) Loggia Nera di Twin Peaks avesse una colonna sonora, beh, probabilmente sarebbe proprio “The Anteroom”, nuovo ...

Doe Paoro – Soft Power

A distanza di tre anni dal suo sophomore, “After”, la scorsa settimana Doe Paoro è tornata con questa sua nuova prova sulla lunga ...

J Mascis – Elastic Days

I dischi solisti di J Mascis ormai non sono più una sorpresa. Ha iniziato a spogliarsi del rumore folle praticato dai Dinosaur Jr. a metà ...