PHOSPHORESCENT
C’est la vie

[ Dead Oceans - 2018 ]
7.5
 
Genere: indie folk
 
22 Ottobre 2018
 

Dietro il progetto Phosphorescent si nasconde Matthew Houck che, dopo l’ottimo riscontro ottenuto nel 2013 con “Muchacho” e con il singolo “Song for Zula”, ci riprova a distanza di ben cinque anni con questo nuovo lavoro “C’est la vie”.

In questo lungo periodo di silenzio, discografico, interrotto solo da un live “Live at the Music Hall” ci sono stati parecchi momenti nuovi e diversi nella vita di Matthew Houck, il successo raggiunto con  “Muchacho” è arrivato in un periodo di grandi cambiamenti , nel quale la vita di artista vagabondo prendeva una svolta decisiva.

In questi cinque lunghi anni ci sono stati  un matrimonio, un trasferimento a Nashville, la nascita di un figlio, qualche problema di salute, insomma  una serie di eventi, che ovviamente hanno finito col ripercuotersi nella sua offerta musicale.

In realtà “C’est la vie” non è musicalmente così lontano dal suo precedente lavoro, ma nei testi il cambiamento è più evidente, con un’attenzione quasi fotografica, che ha nella descrizione di  un passato instabile e di  un presente ordinario ma nuovo e affascinante gli aspetti più ricorrenti .

L’album apre  con un pezzo strumentale “Black Moon / Silver Waves “, abbastanza breve da poter essere considerato una intro, e chiude con un altro pezzo strumentale decisamente diverso dal primo, “Black Waves / Silver Moon” questa volta più lungo, direi  anche troppo.

Il lavoro è comunque pieno di pezzi interessanti come il delizioso “C’est La Vie No.2”,  che altro non è  che un momento di passaggio verso un nuovo modo di concepire la vita, “C’est la vie she say
But I don’t know what she means, I say Love, easy, hey come to me…I say alright, well C’est la vie“, o come “New Birth in New England” , un brano molto orecchiabile e che, con un arrangiamento diverso e un pò di passaggi in radio, potrebbe diventare un grande successo .

Se in “New Birth in New England”  Matthew Houck ci racconta dell’amore per la sua compagna e della nascita del figlio, in “My Beautiful Boy”  non possiamo che immaginarcelo mentre scopre la magia nell’osservare il figlio che dorme, la necessità di proteggerlo, la meraviglia nello scoprire dov’è veramente il paradiso.

L’album scorre via piacevolmente, non si può non citare anche “Christmas Down Under ” tra i migliori pezzi, e finisce con il confermare la capacità dei Phosphorescent di confezionare un prodotto con chiari connotati folk, ma moderno e accattivante.

La sensazione finale è che Matthew Houck ha una grande e naturale capacità compositiva, e che, se solo osasse di più , potrebbe regalarci negli anni a seguire qualcosa di veramente grande.

Tracklist
1. Black Moon / Silver Waves
2. C'est La Vie No.2
3. New Birth in New England
4. There From Here
5. Around the Horn
6. Christmas Down Under
7. My Beautiful Boy
8.These Rocks
9. Black Waves / Silver Moon
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Amanda Shires – Take It Like ...

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ...

Maggie Rogers – Surrender

Instancabile Maggie Rogers: sei anni dopo “Alaska” il brano che l’ha fatta conoscere e a tre dall’esordio “Heard It in a Past ...

…And You Will Know Us By The ...

Ventidue tracce, un’ora e un quarto di durata, suono surround quadrifonico. La voglia di esagerare e fare le cose in grande, d’altronde, ...

Tallies – Patina

Dopo il loro convincente omonimo debutto sulla lunga distanza, uscito a gennaio 2019, i Tallies sono ora ritornati con questo sophomore ...

UltraBomb – Time To Burn

Un fotomontaggio, probabilmente fatto con Paint, dove troviamo le immagini di un bambino incazzato e di un’esplosione atomica prese da ...

Recent Comments