RICHARD ASHCROFT
Natural Rebel

[ BMG - 2018 ]
5.5
 
Genere: Pop Rock
 
di
24 Ottobre 2018
 

Poco, davvero troppo poco.

Sarà che quando la firma è Richard Ashcroft, in assoluto uno dei portabandiera più importanti del pop-rock (britpop, se la chiave di lettura è ancora 90’s) di matrice albionica, le aspettative devono giocoforza essere adeguatamente proporzionate al calibro di tale nome.

Invece questo “Natural Rebel”, che potrà sì soddisfare i fan più ortodossi per quei pezzi fatti “chitarra in mano”, specie dopo le trame non del tutto convincenti del precedente “These People” di due anni orsono, finisce per assumere i tratti del parziale passaggio a vuoto.

Il sentore arriva subito con l’iniziale “All My Dreams”, che sarà della semplice linearità che può far gioco per i palinsesti radiofonici, ma con quel chorus in loop finisce quasi per narcotizzare; purtroppo, niente di meglio nemmeno dalle ballatone seguenti “Birds Fly”, la già diffusa “Surprised By The Joy” e la malinconica “That’s How Strong”: piatte? Banali? Approssimative? Sicuramente il mordente è poco, e lo confermano anche “Born to Be Strangers” nonostante chitarre che ci riportano direttamente agli anni ’70 o “That’s When I Feel It” con le sue orbite da classico pezzone di rock leggero.

Un valore aggiunto e un buon grado di profondità, semmai, lo danno gli accenti blues di “We All Bleed” e le note armoniche di “A Man in Motion” (forse il pezzo più riuscito di tutto l’album): peccato che la chiusura si avvicini e dove “Streets of Amsterdam” si fa notare solo per il falsetto di Ashcroft in una (una) sillaba del ritornello, “Money Money” emerge come unico tentativo di attaccare il jack dell’elettrica e il distorto e far vedere quel rebel che probabilmente, forse, magari, un po’ in tanti si sarebbero aspettati.

Tutto sommato, sì, “Natural Rebel” scorre e fila abbastanza liquido, gradevole e cadenzato: ma sempre a conti fatti, come detto, porta con sé poco. Davvero troppo poco.

Photo: Roger Woolman [CC BY 3.0], via Wikimedia Commons

Tracklist
1. All My Dreams
2. Birds Fly
3. Surprised By The Joy
4. That’s How Strong
5. Born To Be Strangers
6. That’s When I Feel It
7. We All Bleed
8. A Man in Motion
9. Streets of Amsterdam
10. Money Money
 
 

a/lpaca – Make It Better

“Make It Better” è l’album d’esordio del gruppo mantovano a/lpaca uscito sia in vinile, che CD, che musicassetta e anche ...

Ben Howard – Collections From ...

Il terzo disco di Ben Howard (“Noonday Dream” uscito nel 2018 qui la recensione) ha fatto conoscere anche in Italia il talento di un ...

Cathal Coughlan – Song Of Co ...

L’etichetta di segreto meglio custodito d’Irlanda e Gran Bretagna è sempre stata stretta a Cathal Coughlan. Fondatore dei Microdisney ...

Big Niente – Big Niente

Big Niente è la creatura di Alessio Rinci che ha sfruttato al meglio l’isolamento domestico del lockdown 2020 per dar vita a questi sette ...

The Antlers – Green To Gold

Dopo sette lunghi anni, da “Familiars” del 2014, il duo di Brooklin – composto da Peter Silberman e Michael Lerner – torna ...