RICHARD ASHCROFT
Natural Rebel

[ BMG - 2018 ]
5.5
 
Genere: Pop Rock
 
di
24 ottobre 2018
 

Poco, davvero troppo poco.

Sarà che quando la firma è Richard Ashcroft, in assoluto uno dei portabandiera più importanti del pop-rock (britpop, se la chiave di lettura è ancora 90’s) di matrice albionica, le aspettative devono giocoforza essere adeguatamente proporzionate al calibro di tale nome.

Invece questo “Natural Rebel”, che potrà sì soddisfare i fan più ortodossi per quei pezzi fatti “chitarra in mano”, specie dopo le trame non del tutto convincenti del precedente “These People” di due anni orsono, finisce per assumere i tratti del parziale passaggio a vuoto.

Il sentore arriva subito con l’iniziale “All My Dreams”, che sarà della semplice linearità che può far gioco per i palinsesti radiofonici, ma con quel chorus in loop finisce quasi per narcotizzare; purtroppo, niente di meglio nemmeno dalle ballatone seguenti “Birds Fly”, la già diffusa “Surprised By The Joy” e la malinconica “That’s How Strong”: piatte? Banali? Approssimative? Sicuramente il mordente è poco, e lo confermano anche “Born to Be Strangers” nonostante chitarre che ci riportano direttamente agli anni ’70 o “That’s When I Feel It” con le sue orbite da classico pezzone di rock leggero.

Un valore aggiunto e un buon grado di profondità, semmai, lo danno gli accenti blues di “We All Bleed” e le note armoniche di “A Man in Motion” (forse il pezzo più riuscito di tutto l’album): peccato che la chiusura si avvicini e dove “Streets of Amsterdam” si fa notare solo per il falsetto di Ashcroft in una (una) sillaba del ritornello, “Money Money” emerge come unico tentativo di attaccare il jack dell’elettrica e il distorto e far vedere quel rebel che probabilmente, forse, magari, un po’ in tanti si sarebbero aspettati.

Tutto sommato, sì, “Natural Rebel” scorre e fila abbastanza liquido, gradevole e cadenzato: ma sempre a conti fatti, come detto, porta con sé poco. Davvero troppo poco.

Tracklist
1. All My Dreams
2. Birds Fly
3. Surprised By The Joy
4. That’s How Strong
5. Born To Be Strangers
6. That’s When I Feel It
7. We All Bleed
8. A Man in Motion
9. Streets of Amsterdam
10. Money Money
 
 

Gruff Rhys – Pang!

Gruff Rhys ama cambiare, stupire. Difficile trovare un filo conduttore nell’ormai lunga carriera solista del frontman dei Super Furry ...

Lana Del Rey – Norman Fucking ...

Ogni volta che Lana Del Rey pubblica un album il dibattito tra estimatori e detrattori della musica di Elizabeth Grant diventa sempre più ...

Kazu Makino – Adult Baby

Siamo abituati a sentire la voce eterea di Kazu Makino nei Blonde Redhead a fianco dei gemelli Simone e Amedeo Pace, ma ora Kazu ha deciso ...

Frankie Cosmos – Close It ...

Sempre molto prolifica la giovane Greta Kline, titolare del progetto Frankie Cosmos: dopo un anno e mezzo dal precedente “Vessel”, ...

The Futureheads – Powers

Aspetti positivi: i ritorni sono sempre graditi. Specie se le cose che più si ricordano negli ultimi anni circa la band di Sunderland sono ...