RICHARD ASHCROFT
Natural Rebel

[ BMG - 2018 ]
5.5
 
Genere: Pop Rock
 
di
24 Ottobre 2018
 

Poco, davvero troppo poco.

Sarà che quando la firma è Richard Ashcroft, in assoluto uno dei portabandiera più importanti del pop-rock (britpop, se la chiave di lettura è ancora 90’s) di matrice albionica, le aspettative devono giocoforza essere adeguatamente proporzionate al calibro di tale nome.

Invece questo “Natural Rebel”, che potrà sì soddisfare i fan più ortodossi per quei pezzi fatti “chitarra in mano”, specie dopo le trame non del tutto convincenti del precedente “These People” di due anni orsono, finisce per assumere i tratti del parziale passaggio a vuoto.

Il sentore arriva subito con l’iniziale “All My Dreams”, che sarà della semplice linearità che può far gioco per i palinsesti radiofonici, ma con quel chorus in loop finisce quasi per narcotizzare; purtroppo, niente di meglio nemmeno dalle ballatone seguenti “Birds Fly”, la già diffusa “Surprised By The Joy” e la malinconica “That’s How Strong”: piatte? Banali? Approssimative? Sicuramente il mordente è poco, e lo confermano anche “Born to Be Strangers” nonostante chitarre che ci riportano direttamente agli anni ’70 o “That’s When I Feel It” con le sue orbite da classico pezzone di rock leggero.

Un valore aggiunto e un buon grado di profondità, semmai, lo danno gli accenti blues di “We All Bleed” e le note armoniche di “A Man in Motion” (forse il pezzo più riuscito di tutto l’album): peccato che la chiusura si avvicini e dove “Streets of Amsterdam” si fa notare solo per il falsetto di Ashcroft in una (una) sillaba del ritornello, “Money Money” emerge come unico tentativo di attaccare il jack dell’elettrica e il distorto e far vedere quel rebel che probabilmente, forse, magari, un po’ in tanti si sarebbero aspettati.

Tutto sommato, sì, “Natural Rebel” scorre e fila abbastanza liquido, gradevole e cadenzato: ma sempre a conti fatti, come detto, porta con sé poco. Davvero troppo poco.

Tracklist
1. All My Dreams
2. Birds Fly
3. Surprised By The Joy
4. That’s How Strong
5. Born To Be Strangers
6. That’s When I Feel It
7. We All Bleed
8. A Man in Motion
9. Streets of Amsterdam
10. Money Money
 
 

Asgeir – Bury The Moon

Un colpo al cerchio e uno alla botte per il buon Ásgeir, che anche questa volta trova il fedele aiuto di John Grant nel tradurre le sue ...

The Courteeners – More. ...

Sin dagli albori della loro carriera, i Courteeners hanno dimostrato di conoscere i trucchi per cavalcare l’onda, come i surfisti più ...

Tame Impala – The Slow Rush

Premessa fondamentale, quanto semplicistica: il sottoscritto rientra nella schiera di coloro che hanno adorato i primi due album a firma ...

Green Day – Father Of ...

Celebrare lo stile di vita di chi se ne fotte altamente di tutto e tutti. Il comunicato stampa che accompagna l’uscita di “Father Of ...

Christopher Paul Stelling – ...

Christopher Paul Stelling è arrivato all’album numero cinque della sua carriera con questo “Best Of Luck”, uscito a tre anni di ...