THE KVB
Only Now Forever

[ Invada - 2018 ]
7
 
Genere: New Wave, Post Punk, Synth Pop
Tags: ,
 
di
24 ottobre 2018
 

Nicholas Wood e Kat Day, al netto di EP e lavori vari, sono arrivati al sesto album in studio in 6 anni: niente male, laddove la buona produttività coincide, ancora, con la qualità, riscontrabile altresì nella dimensione audio-visual delle live performances.

Il percorso sonoro dei The KVB prosegue senza soluzione di continuità su una strada che appare sì già tracciata e battuta, ma non per questo meno affascinante e ricca di nuovi scroci e traiettorie su cui incanalare le loro pulsioni.

Si passa così da trame post punk in ambientazioni sintetiche ed arricchite da momenti shoegaze di chitarra (“Above Us”) ad orbite elettroniche e dal gusto indubbiamente pop/new wave anni ’80 (“On My Skin”, “Tides”), per momenti in cui il canovaccio si fa più angosciante e ritmi più serrati e preoccupanti (“Only Now Forever”, “Afterglow”) per poi aprire il ventaglio ed illuminarsi grazie anche alla voce della bella Kat (che rende conturbante e sensuale “Into Life”), a basi sonore e di chitarra più cristalline (“Violent Noon”, “Live in Fiction”) per vibrare fino a sfumare come una supernova nel finale (“No Shelter” dove Kat accompagna la timbrica, sempre volutamente debole e gentile, di Nicholas e l’uptempo di beat e batteria di “Cerulean” con la sua chitarra super post punk e l’aria data da tastiera ed effetti).

Un gusto melodico che viaggia su binari scuri, sintetici, da ultramondo: tutto scorre, fluttuante, che è un bel sentire. Avanti così.

 

Tracklist
1. Above Us
2. On My Skin
3. Only Now Forever
4. Afterglow
5. Violet Noon
6. Into Life
7. Live in Fiction
8. Tides
9. No Shelter
10.Cerulean
 
 

Death Cab For Cutie – The ...

I Death Cab For Cutie hanno pubblicato sei EP nella loro ormai lunga carriera. Un buon modo per riunire sotto lo stesso tetto versioni ...

Clairo – Immunity

Clairo è un altro tassello che è parte di una wave di nuove viralità e innovative forme artistiche che vanno oltre i singoli e la musica ...

Ezra Furman – Twelve Nudes

A distanza di un anno e mezzo dal precedente ottimo lavoro “Transangelic Exodus”  ritorna Ezra Furman, e lo fa con un album diverso, ...

The S.L.P. – The S.L.P.

“Mi sento come avessi visto la Terra dallo spazio”, dice il buon Pizzorno, deus ex machina dei Kasabian alla sua prima ...

Thee Oh Sees – Face Stabber

Prima di partire per questa recensione vi consiglio caldamente di leggere quelle dei loro album precedenti “Smote Reverse” e ...