NICO, 1988

 
Tags: ,
 
di
25 ottobre 2018
 

di Dario Ardias Thorre

Di solito, tranne rarissime eccezioni, odio i biopic di qualsivoglia genere perchè ne avverto sempre l’olezzo economico e una ostentata capacità nel non essere mai fedeli ai fatti. Se dovessi fare una cernita dei film biografici musicali che ho visto nella mia vita salvo giusto “Great Balls of Fire”, pirotecnico film dedicato alla prima fase della vita di Jerry Lee Lewis, quel capolavoro di “Control” di Anton Corbijn e la sgangherata favola di “Sid e Nancy”. Al rogo da Torquemada, senza se e senza ma, quella porcheria su Jimi Hendrix e “The Doors” di Oliver Stone, da denuncia. Ne avrei degli altri, ma vi risparmio il fetido elenco. Detto ciò, come vedete, ci sarebbe poco da stare allegri vista la situazione, ma per fortuna, il mondo indipendente arriva a salvarci e purificare la nostra anima con delle perle di rara bellezza.

Susanna Nicchiarelli, col suo film meraviglioso, ci regala uno squarcio scintillante e doloroso su un’artista che forse non è stata ancora oggi compresa completamente venendo invece sempre considerata come fissata in un dato momento storico musicale (1967) e stop. Christa Paffgen o Nico, come più vi piace non è stata solo un membro dei Velvet Underground o la bellissima femme fatale che si accompagnava alle grandi rockstar dell’epoca, no; Christa era un animale selvaggio che ad un certo punto ha dovuto fare i conti col tempo che passa, con le proprie paure e i propri fallimenti, con un figlio problematico non riconosciuto dal padre e con un talento che necessitava di crescere da solo, libero da qualsiasi pigmalione, sia esso Warhol o Lou Reed. Christa, magistralmente interpretata da Trine Dyrholm, torna da noi e ci racconta di un periodo, gli ultimi due anni di vita (86-88) fatto di un tour europeo scalcagnato, ma non privo di stimoli e sincero affetto dei fans, la costante dipendenza dall’eroina, le piccole cose quotidiane, ma sopratutto una straripante voglia di essere artista, di essere ascoltata e amata.

La sua voce, baritonale, lugubre ed evocativa, torna a cullarci prepotentemente e sulle note di “Janitor of Lunacy” o “All Tomorrow’s Parties” riscopriamo una donna tormentata che chiude nel cassetto dei ricordi Nicochiamami col mio vero nome: Christa” dice al suo manager, per tornare ad essere se stessa e scendere a patti con una vita diversa che le sfugge, con un talento animalesco che non l’ha mai abbandonata.

In questo film, scarno ed essenziale, Nico non cede, non inciampa, ma vive, combatte e si trasfigura attraverso quegli occhi grandi tendendoci la mano perchè le sue tenebre sono anche le nostre.

Paese di produzione: Italia, Belgio
Anno: 2017
Durata: 93 min
Genere: biografico, drammatico
Regia: Susanna Nicchiarelli
Sceneggiatura: Susanna Nicchiarelli
Produttore: Valérie Bournonville, Marta Donzelli, Gregorio Paonessa, Joseph Rouschop
Produttore esecutivo: Alessio Lazzareschi
Fotografia: Crystel Fournier
Montaggio: Stefano Cravero
Musiche: Gatto Ciliegia contro il Grande Freddo

Interpreti e personaggi
Trine Dyrholm: Nico
John Gordon Sinclair: Richard
Anamaria Marinca: Sylvia
Sandor Funtek: Ari
Thomas Trabacchi: Domenico
Karina Fernandez: Laura
Calvin Demba: Alex
Francesco Colella: Francesco

 

Blade Runner 2049

di Dario Ardias Thorre Vedere ‘Blade Runner 2049’, senza nessuna remora per quello che rappresenta ‘Blade Runner’, ...

Sulla Mia Pelle

“Sulla mia pelle” di Alessio Cremonini non mostra il pestaggio di Stefano Cucchi ad opera delle forze dei carabinieri di Roma. ...

Ant-Man and the Wasp

Il Marvel Cinematic Universe continua a espandersi. Non soltanto dal punto di vista dei nuovi personaggi che vengono introdotti di film in ...

Ostili (Hostiles)

Western credibili ai giorni nostri sono merce molto rara. Non manchevole di qualche difetto e forzatura, “Hostiles” fa, senza ...

Ghost Stories

“Ghost Stories” è un discreto horror che sprizza inglesità da ogni poro – a tal proposito andrebbe vietato di guardarlo ...