RAZORLIGHT
Olympus Sleeping

[ Atlantic Culture Records - 2018 ]
5.5
 
Genere: Pop Rock, Power Pop
Tags:
 
di
31 ottobre 2018
 

In quella seconda generazione del guitar pop-rock di matrice albionica, più volte richiamata, al fianco dei vari Arctic Monkeys, The Fratellis, The Kooks e compagnia bella, il loro spazio se l’erano presi anche i Razorlight di Johnny Borrell e il suo moderato istrionismo (“sono il miglior cantautore della mia generazione” diceva il Nostro in tempi non sospetti): alcune cose fatte bene e dai buoni ritorni sia commerciali che di critica in special modo per i primi due album (“Up All Night” e “Razorlight”) e poi un terzo (“Slipway Fires”) datato 2008 che ha aperto un periodo un periodo di qualcosa come dieci anni di assenza dalle scene; giocoforza, un periodo così lungo di silenzio, al netto di qualcosa a firma solista, impone di approcciarsi a questa nuova uscita con un orecchio giustamente curioso.

Premettiamo: di passaggi memorabili, non ce ne sono; troviamo, al netto di brani già precedentemente resi pubblici (“Olympus Sleeping”, “Sorry?”, “Japanrock” o ancora “Got To Let The Good Times Back Into Your Life” – il titolo è un’opera di automotivazione?- e il suo filato surfy), pezzi come “Brighton Pier” con la sua linea di basso pomposissima che strizza l’occhio al pop più patinato, “Misdrummer Girl” e le sue venature ska, “No Answers”  con la sua ricerca di una qualche sorta di profondità.

Va detto, comunque, che “Olympus Sleeping” è divertente e fila bene, anche troppo, nella sua semplicità strutturale, è solare e ha quel gusto power pop che ci fa dimenticare, tra varie schitarrate spensierate e ricercatamente garage, come sia passato oltre un decennio da pezzi come “Golden Touch” e “In The Morning”: anche perché se ci dovessimo fermare a questo aspetto squisitamente cronologico, non potremmo di converso non notare come anche la vena cantautorale del quasi quarantenne Borrell sia, nei contenuti, quella di quando di anni non ne aveva nemmeno trenta.

Ma noi, umili romantici e inguaribili nostalgici, come potevano non dare la debita attenzione al ritorno dell’autoproclamatisi miglior cantautore della propria generazione?

Tracklist
1. Adam Green Skit
2. Got To Let The Good Times Back Into Your Life
3. Razorchild
4. Brighton Pier
5. Good Night
6. Carry Yourself
7. Japanrock
8. Midsummer Girl
9. Iceman
10. Sorry?
11. Olympus Sleeping
12. No Answers
13. City Of Women
 
 

Death Cab For Cutie – The ...

I Death Cab For Cutie hanno pubblicato sei EP nella loro ormai lunga carriera. Un buon modo per riunire sotto lo stesso tetto versioni ...

Clairo – Immunity

Clairo è un altro tassello che è parte di una wave di nuove viralità e innovative forme artistiche che vanno oltre i singoli e la musica ...

Ezra Furman – Twelve Nudes

A distanza di un anno e mezzo dal precedente ottimo lavoro “Transangelic Exodus”  ritorna Ezra Furman, e lo fa con un album diverso, ...

The S.L.P. – The S.L.P.

“Mi sento come avessi visto la Terra dallo spazio”, dice il buon Pizzorno, deus ex machina dei Kasabian alla sua prima ...

Thee Oh Sees – Face Stabber

Prima di partire per questa recensione vi consiglio caldamente di leggere quelle dei loro album precedenti “Smote Reverse” e ...