SHE MAKES WAR
Brace for Impact

[ My Big Sister Recordings - 2018 ]
7
 
Genere: Rock Alternativo
 
di
31 ottobre 2018
 

Dietro al moniker She Makes War c’è Laura Kidd da Bristol, una che scherza poco e che se parla non lo fa per caso: politicizzata, energica, poliedrica, gli attributi non le mancano, non per questo difetta in sensibilità e sentimento.

Con questo quarto LP la polistrumentista inglese ci presenta il mondo visto dai suoi occhi, cantando sia della propria quotidianeità che di quello che le succede intorno nella moderna società; lo fa sia vestendosi di grunge/noise, come con l’opener “Devastate Me”, “Undone” o ancora “Waery Bird”, con netto gusto anni ’90 che non disdegna le influenze pop più strutturate (non è difficile che la memoria ci rimandi ad Elastica o Echobelly), ma anche attraverso momenti più delicati e malinconici nei quali trova il modo di esaltare le proprie qualità canore: ecco quindi l’autunnale ed intima “Then the Quiet Came” con il suo contorno di cori, violini e la chitarra acustica dalle pennate calde e semplici, “Strong Enough” con il suo piano morbido e gentile, o ancora l’atmosferica ed ariosa “Fortify”.

Laura Kidd ci dimostra e ci da conferma che si può avere occhi e mente lucidi senza bisogno di essere supponenti o autoproclamarsi portatori di chissà quali messaggi universali, che si può dichiarare la propria rabbia ed irrequietezza senza bisogno di urlare, che si possa mostrare il proprio lato più umano ed emotivo senza scadere nel mellifluo e nel melenso.

Onore quindi a Lei, Lady Kidd.

 

 

Tracklist
1. Devastate Me
2. London Bites
3. Strong Enough
4. Undone
5. Then the Quiet Came
6. Fortify
7. Weary Bird
8. Let Me Down
9. Dear Heart
10. Love This Body
11. Hold On
12. Miles Away
 
 

Death Cab For Cutie – The ...

I Death Cab For Cutie hanno pubblicato sei EP nella loro ormai lunga carriera. Un buon modo per riunire sotto lo stesso tetto versioni ...

Clairo – Immunity

Clairo è un altro tassello che è parte di una wave di nuove viralità e innovative forme artistiche che vanno oltre i singoli e la musica ...

Ezra Furman – Twelve Nudes

A distanza di un anno e mezzo dal precedente ottimo lavoro “Transangelic Exodus”  ritorna Ezra Furman, e lo fa con un album diverso, ...

The S.L.P. – The S.L.P.

“Mi sento come avessi visto la Terra dallo spazio”, dice il buon Pizzorno, deus ex machina dei Kasabian alla sua prima ...

Thee Oh Sees – Face Stabber

Prima di partire per questa recensione vi consiglio caldamente di leggere quelle dei loro album precedenti “Smote Reverse” e ...