MARIANNE FAITHFULL
Negative Capability

[ BMG - 2018 ]
8
 
Genere: cantautorato
 
5 novembre 2018
 

Non ho mai seguito da vicino la carriera di Marianne Faithfull, non mi posso considerare un suo estimatore e nemmeno un profondo conoscitore, ecco perché non mi avventurerò in confronti con la produzione precedente della Faithfull, che giunge con questo “Negative Capability” al suo 21 album. Eppure mi posso permettere di dire che so riconoscere quando una canzone è bella oppure no, quando un brano ti entra dentro e quando l’empatia che si crea è così forte e vibrante che si ha la pelle d’oca.

Marianne Faithfull appartiene a quell’elenco di eroi della musica che hanno lasciato un segno indelebile. Vi troviamo gente come Leonard Cohen, Nick Cave e Johnny Cash, tanto per citare tre nomi al volo, artisti per cui la musica era (è nel caso di Cave) davvero arte, un mezzo per trasmettere idee, pensieri, suggestioni ed emozioni. Qui la Faithfull, basta vedere i vari autori dei brani, si fa aiutare da talenti assoluti come lo stesso Cave, Warren Ellis, Ed Harcourt, Rob McVey e Mark Lanegan: capirete che di fronte a una simile squadra quello che stiamo ascoltando non è più musica che merita la “m” minuscola, ma prende  automaticamente quella maiuscola.

Marianne Faithfull si pone di fronte allo specchio, traccia una linea nella sua vita e si guarda indietro, oltre quella linea, senza rimpianti o paure, ma con una sincerità e una fierezza che commuovono, aiutata da ballate una più toccante dell’altra, in cui spiccano un violino onnipresente, il piano, le chitarre tanto sussurrate quanto vive e taglienti (“They Come At Night”), ma sopratutto quella sua voce drammatica, anche sgraziata a tratti, ma perfettamente funzionale. Oltre quella linea c’è la consapevolezza e l’angoscia d’invecchiare, il dolore delle perdite e il dolore per la salute che sta andando sempre più via: speranze e amarezze che si fondono e si mescolano, frutto di una vita vissuta e di una maturità ormai conclamata, in cui la spensieratezza della gioventù si è trasformata in osservazione acuta e intensa della realtà personale.  

Un disco doloroso, certo,  eppure che non trasmette sconforto in chi lo ascolta. Tutt’altro. Una sensazione di meraviglia e di conforto, nonostante tutto, ci pervade. Dobbiamo essere grati ad artisti simili per album di un tale peso specifico. Grazie Marianne.

Tracklist
1. Misunderstanding
2. The Gypsy Faerie Queen
3. As Tears Go By
4. In My Own Particular Way
5. Born to Live
6. Witches Song
7. It's All Over Now, Baby Blue
8. They Come at Night
9. Don't Go
10. No Moon in Paris
11. Loneliest Person
 
 

Robyn – Honey

Robyn non voleva scrivere altre tristi canzoni d’amore e ballare da sola al centro del dancefloor, l’aveva promesso a se stessa. Ma ci ...

PAINT – Paint

PAINT è l’incarnazione solista e psichedelica di Pedrum Siadatian, chitarrista degli Allah-Las che si è preso una momentanea vacanza dal ...

How To Dress Well – The ...

Se la (mitica) Loggia Nera di Twin Peaks avesse una colonna sonora, beh, probabilmente sarebbe proprio “The Anteroom”, nuovo ...

Doe Paoro – Soft Power

A distanza di tre anni dal suo sophomore, “After”, la scorsa settimana Doe Paoro è tornata con questa sua nuova prova sulla lunga ...

J Mascis – Elastic Days

I dischi solisti di J Mascis ormai non sono più una sorpresa. Ha iniziato a spogliarsi del rumore folle praticato dai Dinosaur Jr. a metà ...