SETTI
Arto

[ La Barberia Records/Vaccino Dischi - 2018 ]
8
 
Genere: Indie Folk
 
9 novembre 2018
 

Scrivere per necessità di comunicare con un mondo interiore fatto di contaminazioni, Sufjan Stevens e regioni inesplorate.

“Arto” di Setti è un territorio sottile, una striscia di confine che ha le bellezze e i misteri di una giungla, ma canzoni piene del calore di un deserto.

La rivoluzione contenuta in questo disco è dedicata a quelli che ogni mattina hanno il coraggio di mangiare pane e malinconia e poi scriverci su una canzone con una chitarra legnosa, dal suono profondo, a cui non si cambiano le corde da qualche anno, anzi probabilmente una di quelle è spezzata e non sarà mai riparata.

“Wisconsin” e “Iowa” sono due canzoni astratte e piene di richiami al folk più contemporaneo e piacevole. Le tendenze chiave del disco sono raccolte in un’estetica DIY e una penna da autore navigato, che riesce a centrare e inquadrare le canzoni come dei paesaggi.

Nel 1792 due astronomi incaricati da Napoleone hanno misurato la curvatura della Terra percorrendo un cammino che andava da Dunkerque a Barcellona: “Arto” cerca proprio tra le curvature apparentemente impossibili da cogliere, e traccia dei solchi.

Il disco è archeologico, nel senso che scava e si ripercuote su ogni storia personale che incontra.

Setti è l’esempio di un cantautore in 8 bit, senza sintetizzatori o effetti speciali: “Orizzonte“ o “Mi Mancavi” sono l’esempio perfetto di quello che significa fare un lavoro analogico, artigiano e pieno d’amore.

Credo che ogni ascoltatore di musica si porti dentro uno o due dischi l’anno che agiscono da dizionario personale, una sorta di calendario astronomico misurato e collimato da ogni sentimento e desiderio.

Le canzoni in tracklist sono degli enjambement: c’è un rapporto strettissimo tra le sonorità del disco che giocano su uguaglianze e alterità, evocando luoghi domestici, profondi e necessari per aggiustare ogni angolo della nostra anima.

“Arto” è un disco da mettere in una cassetta degli attrezzi, perché capace di aggiustare il cantautorato contemporaneo e portarlo nel regno del post-contemporaneo, un non luogo dove ogni emozione vissuta dell’umanità si trasforma in una rielaborazione unica e capace di essere, allo stesso tempo, attuale e sospesa nel tempo.

Tracklist
1. Stanza
2. Iowa
3. Wisconsin
4. Barbecue
5. Woods
6. Bestia
7. Presente
8. Orizzonte
9. Mi mancavi
10. Legno
 
 

Marika Hackman – Any Human ...

Sono passati poco più di due anni dall’uscita del suo sophomore “I’m Not Your Man” e Marika Hackman è ritornata questo weekend con ...

Olden Yolk – Living Theatre

Il loro omonimo primo LP era arrivato solamente nel febbraio dello scorso anno, ma gli Olden Yolk gli hanno già dato un seguito, realizzato ...

Everything Hits at Once: The Best ...

Un best of è una tela intricata che può farti incazzare, oppure può diventare un universo immaginario e ideale in cui incontrarsi con i ...

Slaughter Beach, Dog – Safe ...

Slaughter Beach, Dog è il progetto di Jake Ewald dei Modern Baseball, ma per questo suo terzo LP, uscito nel weekend via Big Scary Monsters ...

Of Monsters and Men – Fever ...

Si può passare da un fragoroso entusiasmo – al punto da indicare questo disco tra le migliori uscite dell’anno – al dubbio che forse ...